Cosa vedere a Houston in Texas: la città dello Space Center

Houston Texas Cosa Vedere

Il Texas, dopo l’Alaska, è lo stato più grande d’America e non basta certo un viaggio di pochi giorni per coglierne l’essenza. Questa è la patria dei rodei, delle mucche longhorn, dei ranch e delle distese violacee di fiori blue bonnet. La nostra meta è Houston, la città più popolata e la quarta più abitata degli States dopo New York, Los Angeles e Chicago. Questa metropoli, che si trova nel sud-est dello stato, deve il suo nome a Sam Houston, il generale fautore dell’indipendenza dal Messico e presidente della repubblica del Texas negli anni dal 1836 al 1846.

[toc]

Cosa vedere a Houston

La città è attraversata da un corso d’acqua di oltre 82 chilometri, il Buffalo Bayou. Il clima molto mite in inverno invita ad uscire, apprezzare le attrazioni cittadine e passeggiare nelle sue aree verdi. L’estate calda, umida e più piovosa a qualcuno può risultare un po’ fastidiosa ma niente paura perché tanti punti d’interesse sono indoor.

Downtown e Historic District

Houston Cosa VedereCon queste rassicurazioni siamo pronti ad esplorare Houston cominciando dal centro cittadino. Per prima cosa ci addentriamo nell’Historic District, quartiere pittoresco del downtown (delimitato da Fannin St., Texas St. e Milam St.), con tanti edifici storici principalmente del 19° secolo e inizio 20° che creano un insieme armonioso; molti di essi sono residenze.

Nella piccola Market Square approfittiamo dell’artigianato messicano e poi c’è il polmone Market Square Park (301 Milam St.), un’area verde accessibile tutti i giorni dalle 6 alle 23 che pullula di vitalità. Sostiamo su un’insolita panchina con lo schienale in mosaico nei pressi della fontana altrettanto preziosa. Questo è un bel luogo in cui camminare fra giardini, alberi in fiore anche in compagnia degli “amici a quattro zampe”. Ricordiamo che è vietato utilizzare lo skateboard che in realtà servirebbe a noi per riuscire a vedere tutto!

Houston Cosa Vedere

Ascoltiamo poi i suggerimenti dei locali e, mentre siamo nel parco, plachiamo il nostro appetito al chiosco Niko Niko’s Greek and American Cafè. La pausa pranzo ci ha ricaricato, usciamo dal distretto e ci rimettiamo in marcia, questa volta in auto ma sempre nel downtown. Notiamo che non c’è molta gente in giro, chiediamo spiegazioni e ci viene raccontato che a Houston molti grattacieli sono collegati da una serie di tunnel sotterranei (alcuni sopraelevati) lungo i quali si trovano anche food court molto frequentati pure nel fine settimana. È possibile approfondire la visita dei tunnel con tour guidati durante i quali viene raccontata la storia della città e di molti edifici.

Info sul tour dei tunnel sotterranei di Houston

Fra i tanti grattacieli vediamo spuntare il JP Morgan Chase Tower (600 Travis St.) che con i suoi 305 metri è il più alto edificio del Texas. Houston vanta pure un grande distretto teatrale, 17 isolati nel cuore del downtown fra cui spiccano Alley Theatre (615 Texas Ave.), Jones Hall (3910 Yoakum Blvd.), Wortham Theater Center (501 Texas Ave.), ma anche complessi per intrattenimento, cinema e ristoranti.

Houston Cosa Vedere

Cosa molto importante da non dimenticare, Houston merita uno sguardo anche di notte quando gli edifici sono illuminati e per non perdere i punti d’osservazione migliori c’è la possibilità di richiedere un tour guidato by night.

Info su Houston City Lights Tour

All’estremità nord del downtown, al 410 di Bagby Street, ci accodiamo alle famiglie con bambini per un’attrazione senza età, il Downtown Aquarium. Qui ci attendono più di 200 specie di esseri viventi acquatici, bizzarri e colorati, squali e alligatori, ma restiamo sorpresi dalla presenza di un ospite estraneo all’acqua: una tigre bianca il cui sguardo appena al di là della vetrata ci mette comunque in soggezione. Desiderate un compleanno particolare? Qui è possibile celebrarlo.

Houston Cosa Vedere

Se non avessimo già pranzato al chiosco greco ci saremmo fermati nel ristorante con vista su un’enorme vasca di pesci di quasi 57.000 litri, ma sarà per la prossima volta! L’acquario è aperto dal martedì al giovedì e la domenica dalle 10 alle 20.30 mentre il venerdì e il sabato prolunga il suo orario fino alle 22. Il biglietto d’ingresso costa 12.99$ per gli adulti, 10.99$ dai 65 anni in su e 9.99$ per i bambini. Alcune attrazioni come la giostra e la ruota panoramica hanno un costo aggiuntivo. Il pass completo ha un costo di 20.99$.

Tour della città di Houston e ingresso al Downtown Aquarium

Scendiamo verso sud in direzione dello Houston Graffiti Building (1503 Chartres St.), una sorta di museo, un’opera d’arte gratuita e a cielo aperto, una lunga serie di splendidi graffiti. Qualcosa da vedere per qualità e diversità!

I parchi di Houston

Attrazioni HoustonSiamo a fine febbraio, la giornata è ideale, non umida e allora ci concentriamo sugli spazi aperti che qui in città sembrano proprio non mancare a cominciare da Discovery Green (1500 McKinney St.), una bella area verde ed un lago dove in estate si possono noleggiare i kayak. Ribadiamo di non essere veri e propri intenditori d’arte ed anche qui nel prato non ci smentiamo facendoci sorprendere da qualcosa di cui non eravamo a conoscenza: forme d’arte moderne, o meglio, ultra moderne che non passano inosservate per colori e dimensioni.

Per la sua particolarità il Gerald D. Hines Waterwall Park (2800 Post Oak Blvd.) merita la nostra attenzione e qualche minuto del nostro tempo. Nello spettacolare parco con più di 150 querce dietro all’omonimo grattacielo è stata realizzata una struttura semicircolare alta circa 20 metri che lascia cadere più di 5000 litri d’acqua al minuto. L’impatto visivo di tutto l’insieme è notevole.

Hermann Park

Attrazioni HoustonPiù a sud, Hermann Park è uno dei parchi più antichi della città accessibile dalle 6 alle 23. L’entrata principale è all’intersezione di Main Street e Montrose Boulevard e il parcheggio è gratuito per 3 ore. Il monumento a cavallo che si eleva da una gradinata è dedicato al generale Sam Houston e il suo braccio teso sembra indicare l’accesso al verde.

Il termine parco è sicuramente riduttivo in quanto questa grande area ospita uno specchio d’acqua di forma rettangolare che porta all’obelisco del Pioneer Memorial, il lago McGovern nel quale vediamo passare alcuni pedalò, il Friendship pavillion, aree per pic-nic, un museo, sculture, un trenino che compie il giro del parco attraversando un tunnel con un particolare murale, il ponte sospeso Bill Coats bridge, un campo da golf, il Pinewood Cafè e due attrazioni alle quali non vogliamo rinunciare.

La prima è il Japanese Garden (6000 Fannin St.), un armonioso giardino giapponese aperto da aprile a settembre dalle 10 alle 18 e da ottobre a marzo dalle 10 alle 17 con ingresso gratuito. Passeggiare in questa natura lungo sentieri in pietra fra cascate, ponticelli, ciliegi, camelie, azalee, bamboo e pini neri dona un grande senso di pace.

Il secondo punto di interesse è lo Zoo (6200 Herman Park Dr.) dove, fra i vari ospiti, incontriamo fenicotteri, elefanti, ghepardi, leopardi, giaguari, leoni, giraffe, lemuri, orsi neri, tigri della Malesia, panda rossi, leoni marini e pappagalli dell’Amazzonia. Naturalmente qui troviamo alcuni gift shop, ristoranti e chioschi che vendono cibo. Lo zoo è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 19 e il costo del biglietto è 19$ per gli adulti, 15$ dai 2 agli 11 anni e 12.50$ dai 65 anni in su.

Info sui biglietti per lo Zoo di Houston

Memorial Park

Attrazioni HoustonSempre in tema di aree verdi segnaliamo il Memorial Park (6501 Memorial Dr.), un parco con un percorso curvilineo nel bosco, quasi 50 chilometri di sentieri, e proprio qui decidiamo di fare ciò che altri stanno già facendo, un pic-nic. Dopo il pranzo gli ospiti più piccoli hanno a disposizione un’area giochi mentre gli adulti si riposano semplicemente oppure s’intrattengono nei campi sportivi da golf (1001 E. Memorial Loop), tennis (1500 Memorial Loop), softball, baseball, football, calcio e in estate si apprezza la piscina scoperta.

All’interno del parco si trova anche l’Arboretum and Nature Center (4501 Woodway Dr.) dove vengono potette le piante native che si sviluppano lungo gli 8 chilometri di sentieri che percorriamo in piccola parte. Consigliamo di consultare online le date in cui hanno luogo eventi, ad esempio l’Arboretum at Night quando si svolgono passeggiate serali e incontri ravvicinati con animali notturni. Dalle 10 alle 16 tutti i giorni è aperto il Nature shop. L’arboreto si può visitare giornalmente da marzo a settembre dalle 7 alle 19.30 e da ottobre a febbraio dalle 7 alle 18.30. Importante accorgimento da osservare: tenere lo spray contro gli insetti a portata di mano.

Il Museum District

Attrazioni HoustonI musei di Houston si trovano in un’area relativamente ristretta, il Museum District, delimitato dall’Highway 288, dall’Herman Park (6200 Hermann Park Dr.), dalla Route 59 e dal Texas Medical Center (6530 Bertner Ave). Questa zona è un insieme di 19 musei, gallerie e centri culturali dediti alla promozione di arte, scienza, storia e cultura.

Per cominciare scegliamo di visitare il Museum of Fine Arts che ospita capolavori europei del passato (1500-1800), ad esempio di Van Gogh e poi la realtà artistica strettamente collegata ad esso, il Bayou Bend Collection & Gardens (più a nord – 1 Westcott St.), un luogo da non perder dove facciamo un tour guidato nei giardini curatissimi e nella dimora storica.

Altri musei nel distretto sono: il Contemporary Art museum, il Natural Science Museum, il Children’s Museum, il Center for Photography e l’African American Culture Museum. Più ad ovest, ma sempre in tema d’arte, Menil Collection (1533 Sul Ross St.) è da non perdere. Si tratta di una delle più grandi collezioni private con sculture, stampe, disegni, tesori dell’antichità, fino ad opere più recenti di maestri come Magritte, Picasso e Warhol.

Ammissione generale del Museo di Scienze Naturali di Houston

Un grazioso quartiere cittadino è Houston Heights, a nordovest del downtown, con dimore del tardo ‘800/inizio ‘900 e strade alberate lungo le quali è un piacere passeggiare incontrando anche negozi, ristoranti e caffetterie.

Lo Space Center di Houston

Kennedy Space CenterCi spostiamo fuori dal centro perché è arrivato il momento per noi di visitare lo Space Center (1601 E. Nasa Pkwy.). In questo realtà famosa nel mondo, fondata nel 1992, sono arrivate le prime parole dalla luna: “The Eagle Has Landed” (l’aquila è atterrata). Il tema è lo spazio in tutte le sue forme per un mix di conoscenza e di intrattenimento.

Per cogliere un’idea del centro conviene effettuare il giro con il tram che attraversa buona parte della proprietà e degli edifici principali del complesso, dopo di che ci concentriamo sull’edificio dove impariamo come vengono addestrati gli astronauti per vivere in una stazione spaziale, proviamo la realtà virtuale di un viaggio su Marte con Future Flight, vediamo un filmato spettacolare sul nostro pianeta, sperimentiamo attività interattive e osserviamodisplay di memorabilia legate alle missioni spaziali.

Concentrarsi su argomenti scientifici comporta un grande dispendio di energie e quindi facciamo una sosta allo Zero-G Diner dove la scelta spazia fra panini, insalate, pizza e piatti vegetariani, ma con un po’ più di tempo a disposizione si può pranzare con un astronauta ed è necessario prenotare per tempo sulla sezione apposita del sito ufficiale.

Chiudiamo in bellezza con l’incontro ravvicinato e impressionante al più alto e potente razzo, il Saturn V, protagonista del programma Apollo che ha portato l’uomo sulla Luna. Ora è a riposo in un hangar tutto suo ed è meta di continui “pellegrinaggi”. Il costo d’ingresso allo Space Center è di 29.95$ per gli adulti, 27.95$ dai 65 anni in su e 24.95$ dai 4 agli 11 anni. Nel sito ufficiale si possono consultare gli orari in cui il centro è aperto ai visitatori ed i costi di ciò che non è compreso nel biglietto.

Se volete unire alla visita dello Space Center anche un tour guidato della città di Houston potete dare un’occhiata al tour sottostante.

Space Center della NASA e tour di Houston con City Sightseeing

Chinatown

Continuiamo l’esplorazione di Houston con uno sguardo a un quartiere dal sapore orientale. Chinatown (delimitata da Fondren Rd., Beechut St. e Westpark Dr.), si sviluppa a circa 20 chilometri dal downtown e ospita una delle più grandi comunità asiatiche degli Stati Uniti. Il quartiere si riconosce immediatamente dalla porta d’ingresso di classica ispirazione orientale. Ristoranti, attività e negozi dal caratteristico stile si trovano in modo particolare a Harwin Drive, il distretto dello shopping.

Anche l’Hong Kong City Mall (11205 Bellaire Blvd.) è un centro molto frequentato per gli acquisti. È da visitare il Teo Chew Temple (10599 Turtlewood Ct.) un tempio buddista con tipiche decorazioni interne e statue delle divinità. I fedeli pregano, bruciano bastoncini d’incenso davanti alle divinità e la profumazione che si diffonde nell’aria è molto forte. All’esterno c’è una bella fontana circolare che rappresenta i 12 animali dello zodiaco scolpiti in marmo.

Una location popolare in centro è Bayou Place (500 Texas Ave.), un complesso con cinema, sala per eventi privati, bar e ristoranti fra cui la famosa catena dell’Hard Rock Cafè. Il complesso è aperto dal lunedì al giovedì e la domenica dalle 11 alle 22 mentre il venerdì ed il sabato l’orario viene esteso fino alle 24. Dispone di parcheggio con valletto ma si trovano parcheggi anche nei dintorni.

Dove fare shopping

Attrazioni HoustonIn questa metropoli ci sono grandi possibilità di sbizzarrirsi con lo shopping. Nel quartiere di Houston Heights la zona degli acquisti è la 19th Street con boutique, gift shop, negozi di antichità, vintage, il tutto accompagnato da punti di ristoro e locali con musica dal vivo. Nell’Uptown si trova The Galleria (5085 Wesheimer Rd.), un grande centro commerciale che, oltre ai negozi e al food court, ospita l’hotel Westin, un centro salute e una pista di pattinaggio sul ghiaccio presso la quale ci soffermiamo a guardare evoluzioni ma anche qualche capitombolo. Sempre lungo Westheimer Road, al 4055, l’Highland Village Shopping Center è uno dei primi centri commerciali in città. Segnaliamo anche il River Oaks Shopping Center (1964 W. Gray St.).

Gli eventi in città

Eventi HoustonCitiamo alcuni degli eventi che si svolgono in città che danno in tocco in più alla visita. In gennaio si può assistere allo Houston Auto Show presso l’NRG Park (NRG Pkwy.) quando vengono messe in bella mostra auto da tutto il mondo e i visitatori hanno la possibilità di vedere, toccare, guidare e apprezzare i capolavori delle migliori industrie automobilistiche. I biglietti costano 12$ per gli adulti e 5$ dai 6 ai 12 anni.

Siamo arrivati qui in Texas anche per l’evento che ha luogo a cavallo fra febbraio e marzo: lo Houston Livestock Show and Rodeo presso l’NRG Park (NRG Pkwy.). La manifestazione risale al 1932 e oltre a gare di rodeo si effettuano vivaci aste di bestiame, si gusta buon cibo e si assiste a concerti di musica country: un vero spettacolo texano! Non mancano poi bancarelle con articoli vari tra cui spicca l’abbigliamento cowboy style con centinaia di stivali, cappelli e gilet più o meno appariscenti. I costi dell’evento variano in base alle proposte della giornata e ai posti a sedere.

La comunità greca festeggia in ottobre durante lo Houston Greek Festival che si svolge presso l’Annunciation Greek Orthodox Cathedral (3511 Yoakum Blvd.) fra musica dal vivo, balli, canti e ottimo cibo della madre patria. Anche il gift shop è interessante. I biglietti costano 5$ per gli adulti. Approfittiamo dell’evento per fare un giro nella bella cattedrale in stile bizantino revival. La sua navata singola conduce alla zona dell’altare in cui si trovano le icone, immagini decorative tipiche delle chiese ortodosse.

Presso il Memorial Park (6501 Memorial Dr.) in primaveraautunno ha luogo il Bayou City Art Festival, un’esposizione di opere di artisti internazionali nel contesto arioso del parco dove la presenza di food truck è una tradizione. Gli animali non sono ammessi alla manifestazione e la mancanza di parcheggi in loco viene sopperita da uno shuttle che costa 4$ a tratta e che parte dal centro commerciale North-West Mall (9500 Hempstead Rd.). Il costo dell’evento è 15$ per gli adulti e 5$ per i minori di 12 anni.

Nel bel quartiere di Houston Heights il primo sabato di ogni mese la 19th Street ospita l’Arts Market con un mercato all’aperto di arte, artigianato e l’accompagnamento di musica dal vivo. Gli orari di apertura variano in base alla stagione. Durante l’anno, al Discovery Green ha luogo una serie di eventi fra cui scegliere, potete scoprire quali visitando il sito ufficiale.

Dove mangiare

Un viaggio non sarebbe completo senza aver assaporato qualcosa della cucina locale. La nostra scelta ricade fra ristoranti diversi fra loro. La catena Morton’s Steakhouse (5000 Westheimer Rd.) è nota per la sua ottima carne: filet mignon, costolette di manzo brasate, braciole di maiale, ma non mancano cocktail di gamberetti giganti, mac’n cheese con aragosta, gambe di granchio e budino di pane con noci pecan più cioccolata bianca. Il locale, aperto a pranzo e a cena, raccomanda la prenotazione e un abbigliamento business o smart casual.

In un edificio storico in legno che risale a 100 anni fa il Rainbow Lodge (2011Ella Blvd.) è un ristorante accogliente, raffinato, dove il personale è attento ai dettagli; è dotato di bar, patio, porticato e la vista è rivolta ad un ruscello. Il ristorante è aperto per pranzo, cena e per il brunch domenicale; la filosofia dei gestori è di utilizzare cibi di stagione, i prodotti del loro orto e dei contadini locali. Nel menu si trovano insalate, piatti di pasta, pesce e carne proveniente da allevamenti locali.

Dal 1997 è attivo Taste of Texas (10505 Katy Freeway) che propone antipasti, zuppe, insalate, pesce, carne e buon vino. Il locale è accogliente e associa tocchi di stile texano ad eleganti arredi in legno. Anche la Steamboat House (8045 N. Sam Houston Pkwy W.) è in tema texano per stile e piatti, ma non solo. Il nome del ristorante è quello dell’ultima residenza del generale Sam Houston dove visse e morì. All’interno del locale spiccano due grandi quadri del 1936 raffiguranti rispettivamente Sam Houston e George Washington. È possibile fare un tour storico del ristorante.

Dove dormire a Houston

Dove dormire a Houston
Sara’s Bed and Breakfast Inn

Anche in merito alla scelta di strutture ricettive le possibilità sono molteplici. Vicino al Galleria Mall si trova La Quinta Inn & Suites Galleria Area (1625 W. Loop S.) con il suo giardino che consente un pieno relax. Arredi accoglienti e colori solari caratterizzano le camere e le suite, queste ultime dotate di salotto. A disposizione degli ospiti ci sono una piscina riscaldata, spa, centro fitness, business room e uno shuttle che percorre latratta fra l’hotel e i due aeroporti cittadini Bush e Hobby.

Vicino al downtown segnaliamo Sara’s Bed and Breakfast Inn (941 Heights Blvd.) riconoscibile dalle sue pareti colorate. La dimora storica cattura l’attenzione per il fascino e l’eleganza dello stile. Le camere, anch’esse dal tocco storico sono dotate di mini frigorifero e wi-fi. Si può parcheggiare in loco e lungo Heights Boulevard. Durante le festività più importanti è richiesto un pernottamento minimo di 2 o 4 notti.

Nel cuore di Houston Heights l’Uphouse Manor B&B (235 W. 18th St.) è una dimora risalente al 1908 dotata di una piacevole veranda. Stile e charm caratterizzano le stanze e le suite. La struttura è dotata di parcheggio. Il Comfort Suites Houston Northwest Cy-Fair (13355 FM 1960 Rd. W.) dispone di stanze accoglienti con macchina per il caffè, microonde, frigorifero, centro fitness, lavanderia e parcheggio ma gli animali non sono ammessi.

Trova tutti gli alberghi di Houston

Dove si trova e come muoversi

Houston come muoversiPer raggiungere Houston segnaliamo l’aeroporto internazionale cittadino George Bush (2800 N. Terminal Rd.). Se non si dispone di un’auto a noleggio si possono utilizzare gli autobus oppure la light rail (simile ad un tram) operata dalla Metro (Metropolitan Transit Authority of Harris County). Le linee percorrono la Greater Houston e la parte della contea di Harris che la ospita. C’è un’ulteriore opzione anche per chi ha noleggiato una macchina; si può utilizzare la formula Park and Ride che consiste nel parcheggiare il proprio veicolo, solitamente in aree suburbane, per poi prendere i mezzi pubblici che collegano il centro città.

A circa un’ora di distanza, ma sempre nell’ambito della Greater Houston, c’è Galveston, nota cittadina costiera sul Golfo del Messico, meta anche di crociere, praticamente la riviera di Houston che vanta splendidi edifici vittoriani del 19° secolo e i Moody Gardens (1 Hope Blvd.) con ambienti naturali da scoprire, il cinema, la spiaggia e la laguna. Se siete interessati a questa escursione fuori città potete dare un’occhiata a questo tour organizzato.

C’è davvero tanto da visitare a Houston e dintorni, una grande area con un mondo di opportunità ricreative, di intrattenimento, culturali, culinarie e di shopping, una realtà vibrante che associa il calore degli stati del Sud all’energia del Texas.

Fort Worth Texas: visita agli Stockyards fra cowboy, rodeo e longhorn

Fort Worth Cosa Vedere

Lo stato del Texas, secondo per estensione dopo l’Alaska, racchiude al suo interno tante bellezze naturali, culturaliurbane. Oggi vi portiamo a Forth Worth, situata a nord-est a circa 30 minuti da Dallas, fondata nel 1849 come avamposto dell’esercito su un promontorio che si affaccia sul fiume Trinity.

[adToAppearHere] Il suo nome deriva dal generale delle forze armate americane, William Jenkins Worth, che qui costruì dieci forti per proteggere e delimitare le frontiere del Texas. Oggi Fort Worth unisce la cultura western all’architettura e al design. Una particolarità: una nave da combattimento della marina americana porta il nome di questa città.

[toc]

Dove si trova e come arrivare

L’aeroporto internazionale più vicino è il Dallas/Fort Worth (2400 Aviation Dr. – DFW Airport). La nostra visita inizia da qui, in particolare al Terminal D e alla Skylink Station, dove si trovano opere d’arte: sculture, dipinti e mosaici realizzati da artisti locali, nazionali e internazionali. Questo è il primo biglietto da visita della città.

Come sempre consigliamo di noleggiare un’auto per gestire in autonomia il soggiorno. A chi invece preferisce utilizzare i mezzi di trasporto segnaliamo le tre seguenti opzioni: gli autobus della linea The T che circolano in città, il Bus Downtown che percorre il centro città e The Trinity Railway Express per chi vuole spostarsi anche nei dintorni cittadini. Questo treno collega infatti Fort Worth, Dallas e parecchie stazioni suburbane. Il clima qui è piacevole con estati calde e inverni abbastanza freddi ma non rigidi. La neve è rara. Il periodo più asciutto è nel mese di agosto mentre maggio è il più umido.

Trasferimenti dall’aeroporto a Fort Worth

Visita agli Stockyards

Fort Worth Texas Cosa VedereL’attrazione principale di Fort Worth è senza dubbio il quartiere denominato Stockyards. Appena si varca il suo gate d’ingresso che riporta la scritta Fort Worth Stockyards, ci si cala immediatamente in un ambiente d’altri tempi. Gli edifici western sono i protagonisti con saloon, negozi che vendono oggetti del far west, dal sapore country e texano. In quest’area della città si trovano varie attrazioni e consigliamo di dedicare svariate ore alla sua visita. La cosa migliore da fare è passeggiare senza fretta, in tutto relax, godendosi ogni angolo.

Mentre si cammina sul marciapiede, lungo E.Exchange Avenue, la strada principale, volgendo lo sguardo in basso si nota il Texas Trail of Fame, una fila di stelle ognuna delle quali riporta il nome di un personaggio che ha fatto la storia del west. Chi non conosce la star cinematografica John Wayne o non ha mai sentito parlare di Samuel Colt?

Visitare Fort Worth TexasAlla Stockyards Station (130 E.Exchange Ave.) oltre a passeggiare tra i vari negozi e assaggiare gustosi piatti nei ristoranti, segnaliamo due attrazioni. Cowtown Cattlepen Maze (145 E.Exchange Ave.) è un labirinto con percorsi in legno che ricordano i recinti utilizzati per il bestiame nell’old west. La struttura si estende per 502 metri quadrati. La cosa divertente è che gli ospiti osservano un filmato che segue il loro percorso attraverso il labirinto mentre cercano di uscirne. L’attrazione si trova davanti alla Stockyards Station ed è aperta tutti i giorni. Il costo è di 7$ per gli adulti e 6$ per la fascia d’età 3-12.

Il Grapevine Vintage Railroad è un treno che fa viaggiare in stile anni ‘20 diretto a Grapevine poco distante da Dallas/Fort Worth. Il viaggio in carrozze vittoriane riporta indietro nel tempo e percorre la storica strada del cotone Cotton Belt Route ad un costo che va dai 26 ai 18 $ a seconda della classe del vagone. Il sabato e la domenica alle 11.45 e alle 16.45 si può assistere alla performance di una sparatoria proprio come nell’old west.

La seconda attrazione che segnaliamo è il museo degli Stockyards, il Texas Cowboy Hall of Fame (128 E.Exchange Ave.), istituito in memoria di coloro che hanno onorato il west in Texas. Al suo interno si trovano carrozze, mostre e una postazione dove i bambini possono interagire e apprendere la storia. Non si dovrebbe uscire dal museo senza prima essere passati da Jersey Lilly Old Time Photos dove si possono fare simpatiche foto in pieno stile western, con costumi d’epoca coinvolgendo anche il proprio animale domestico.

Visitare Fort WorthAl primo piano del Livestock Exchange (131 E.Exchange Ave.), un edificio adibito al commercio del bestiame, il venerdì si può assistere all’asta. Per noi visitatori, osservatori non coinvolti nelle trattative, presenziare all’evento è un ottimo modo per vivere un’esperienza strettamente legata alla realtà del posto.

Informazioni sul tour fra Cowboy e cultura di Fort Worth

All’interno dell’edificio, nell’Historical Society Museum, si trovano informazioni storiche e manufatti legati allo sviluppo degli Stockyards, ma in questo contesto cittadino non può mancare l’arena per i rodei denominata Cowtown Coliseum (121 E.Exchange Ave.) come dal soprannome della città che è proprio Cowtown (città delle mucche). Qui si tengono anche esibizioni e spettacoli. L’edificio non è molto grande ma l’atmosfera è pienamente western, texana, di grande richiamo.

Fort Worth Texas Cosa VedereMeteo permettendo, il grande evento scenografico quotidiano che si svolge alle 11.30 e alle 16 (a parte i giorni di Natale, Pasqua e del Ringraziamento) è la Longhorn Parade, la rituale sfilata delle mucche del Texas dalle lunghe corna, le longhorn. La parata, lungo E.Exchange Ave, è guidata da cowboy a cavallo e viene rappresentata esattamente come ai vecchi tempi. Nell’arco di tempo fra le due parate le mucche stanno nel loro recinto dove possono essere visionate.

E poi, ricordate il telefilm Walker Texas Ranger?….. Se la risposta è sì, non potete aver dimenticato Cd’s Bar & Grill, il locale che nella serie televisiva appartiene all’ex Texas Ranger CD Parker. Da aprile 1995 a maggio 2001 gli episodi sono stati girati al White Elephant Saloon (106 E.Exchange Ave.) al cui interno si trovano testimonianze e memorabilia che lo attestano. Questo è uno dei locali più leggendari di Fort Worth dove si può sorseggiare un drink o semplicemente fermarsi per fare una foto e poter dire: l’ho frequentato anch’io! Ogni sera c’è musica dal vivo e si gioca ai tavoli da biliardo o shuffleboard mentre al secondo piano si cena.

Fort Worth downtown

Visitare Fort WorthLasciamo l’area degli Stockyards per spostarci nel downtown (il centro città) dove edifici in stile art déco ospitano negozi, ristoranti e locali di intrattenimento e vita notturna. La zona principale è Sundance Square, una grande area con boutique, ristoranti e gallerie d’arte in un mix di architettura moderna e antica fra strade in mattone rosso, cortili e una fontana. Restiamo in quest’area centrale dove si trovano i Water Gardens (1502 Commerce St.), una struttura con giochi di fontane, acqua e pozze che nasce da uno studio molto particolare di architettura e ingegneria.

Proprio per la loro peculiarità spesso appaiono in produzioni televisive o cinematografiche. Concludiamo il nostro giro in centro con la Saint Patrick Cathedral (1206 Throckmorton St.) in stile gotico revival, sede del vescovado. Papa Paolo VI scelse questa città come una delle diocesi del Texas. Da notare l’organo elettronico e, se siete qui durante la santa messa, non mancate di ascoltare il coro parrocchiale.

L’offerta culturale e naturalistica di Fort Worth

Visitare Fort Worth TexasFort Worth è orgogliosa del suo Cultural District in cui segnaliamo il Fort Worth Museum of Science & History (1600 Gendy St.) che ospita anche un planetario e un teatro. All’interno del museo sono esposti oggetti storici e scientifici legati al campo botanico, minerario, geologico, zoologico e ornitologico. Restando in tema di musei ne segnaliamo altri ma con temi differenti.

Il National Multicultural Western Heritage Museum (3400 Mont Vernon Ave.) evidenzia la cultura del west americano e dei cow-boy attraverso documenti, foto e oggetti ma non mancano anche testimonianze legate agli indiani. Di tutt’altro genere è il Kimbal Art Museum (3333 Camp Bowie Blvd.) sorto nel 1972. Le prime opere d’arte provenivano da una collezione privata da cui deriva il nome del museo. Attualmente è esposta un’ampia collezione di dipinti europei ed è possibile visitare la biblioteca.

Informazioni sul tour al Cultural District

Per momenti piacevoli nel mondo degli animali segnaliamo il Fort Worth Zoo (1989 Colonial Pkwy.) fra canguri rossi, fenicotteri, pinguini, pappagalli, tigri bianche e malesi assieme a tanti altri “ospiti”. I più piccoli possono divertirsi in giostra, camminando lungo il ponte sospeso e giocando in un granaio con scivoli e scale. Si può assistere anche ad incontri educativi in un teatro all’aperto.

E per una bella immersione nella natura consigliamo il Botanical Garden (3220 Botanical Garden Blvd.) tra foreste tropicali, cactus, querce, agavi, rose, camelie, piante di caffè, fontane e un gazebo. All’interno non perdete il Japanese Garden dove sentieri si snodano attraverso specchi d’acqua e vegetazione rigogliosa. Le meraviglie continuano fra i colori e i profumi di ciliegi, magnolie, aceri giapponesi e bamboo. Questo è un luogo ideale per celebrare matrimoni.

La natura esplode anche al Natural Center & Refuge (9601 Fossil Ridge Rd.) tra foreste, praterie e zone paludose. Qui si trovano sentieri ideali per fare scalate e i più fortunati possono vedere uccelli, bisonti e cani delle praterie.

Consigliamo di cogliere l’opportunità di immergersi nella storia locale al Log Cabin Museum (2100 Log Cabin Village Ln.), considerato un museo vivente. Il suo scopo è di conservare la cultura texana, in particolare quella del 19° secolo. Una volta entrati nel villaggio si apprezza subito la natura che circonda i vari edifici tra cui l’affumicatoio, il laboratorio del maniscalco, la scuola, il mulino e le piccole case in legno di cedro o quercia.

A completare le strutture autentiche (tranne il negozio del fabbro) c’è un giardino in cui si coltivano erbe aromatiche. Personaggi in costume tipico dell’epoca conferiscono un’aura di realismo all’interno del villaggio; questa sensazione di vivere una realtà del passato è una delle caratteristiche che maggiormente attrae i visitatori. Negli edifici si trovano oggetti antichi che riportano al tempo dell’era pioneristica (1840-1890) ma si tengono anche mostre dove vengono esposti manufatti e documenti. Questo luogo è adatto anche ai più piccoli e spesso vengono organizzate attività a loro congeniali. Non mancate di fermarvi al negozio, potreste trovare oggetti interessanti. Il villaggio è operativo giornalmente dal martedì al sabato mentre nel week-end è aperto nel pomeriggio.

Attività per tutta la famiglia

Un’attrazione particolare e singolare è The Secret Chambers (Le Stanze Segrete – 2350 Mall Circle). E’ un entusiasmante gioco di gruppo che si svolge in una stanza a tema in cui si mettono alla prova le proprie capacità. Attraverso il loro sito un gruppo di partecipanti (da 4 a 10 persone) sceglie un’ambientazione di gradimento fra quelle a disposizione e poi fa la prenotazione on-line per fissare la data in cui il gioco si svolgerà. Nel giorno stabilito il gruppo entra fisicamente nella stanza che ricrea il tema scelto; lo scopo del gioco è di uscire dalla camera entro un’ora utilizzando unicamente le risorse che si trovano all’interno della location scelta.

Caccia al tesoro a Fort Worth

Gli eventi di Fort Worth

Rodeo Worth TexasRitornando a Fort Worth dopo le doverose deviazioni nelle immediate vicinanze,  segnaliamo alcuni festival ed eventi che si svolgono in città. In Texas non mancano i rodei, infatti in gennaio si svolge lo Stock Show & Rodeo (3400 Burnett – Tandy Dr.) una grande manifestazione di parecchi giorni durante i quali si passa dalle esposizioni di bestiame alla musica dal vivo e alle attività per bambini in un ambiente frizzante e colorato.

In settembre al Will Rogers Center (3401 W. Lancaster Ave.) si possono ammirare l’abilità, l’estro, la creatività e il colore dei quilt nel Trinity Valley Quilt Show. Queste coperte sono straordinari lavori di sartoria tipici degli U.S. Vale la pena fare un acquisto, non sempre apparentemente a buon mercato, ma bisogna tener conto che si tratta di veri e propri capolavori che richiedono tempo e maestria.

Il Festival in the Japanese Garden si svolge in aprile e in ottobre all’interno del giardino botanico (3220 Botanic Garden Blvd.) ed esalta la dolcezza dalle danze nipponiche, l’importanza dalla cerimonia del te e delle arti marziali. Sempre in ottobre si svolge il Red Stegall Cowboy Gathering & Western Swing Festival (130 E.Exchange Ave. – Stockyard). Durante i tre giorni di festival si festeggia la cultura western con musica dal vivo, cucina all’aperto nei tipici carri denominati chuck-wagon, gare di poesia e di fiddle (un tipo di violino) unito a spettacoli di rodeo.

La chiesa greco ortodossa di Saint Demetrius (2020 W.21st St.) festeggia nel mese di ottobre con l’evento denominato Greek Food Festival per una piena immersione nella cultura ellenica attraverso musica, balli folkloristici e buon cibo.

Dove fare shopping

Non mancate di visitare i negozi western e country nel quartiere degli Stockyards. Poi se volete fare un salto anche nei classici centri commerciali (mall) potete optare per l’Hulen Mall (4800 S.Hulen St.) e il Ridgmar Mall (1888 Green Oaks Rd.). I mall sono una soluzione anche come punti di ristoro dal momento che al loro interno c’è un’ampia scelta di ristoranti e fast food.

Dove mangiare

Anche a Fort Worth le strutture per la ristorazione propongono svariati tipi di cucina. Iniziamo consigliandovi Del Frisco’s of Fort Worth (812 Main St.), un elegante steakhouse, ubicata nel downtown, dove si può scegliere se mangiare all’interno o presso il patio. Chi gradisce un locale più informale può provare Lili’s Bistro (1310 W.Magnolia Ave.) che propone carne, sandwich, zuppe e dessert. Di sera il ristorante intrattiene i suoi clienti con musica jazz.

Dal 1935 il Joe T. Garcia’s (2201 N.Commerce St.), a conduzione familiare, propone piatti della cucina messicana da gustare all’interno o nell’elegante patio con fontana. Un’atmosfera mediorientale si vive da The Flying Carpet (1223 Washington Ave.) in un ambiente dai decori turchi con tappeti e motivi in legno. Da assaggiare la sua cucina ottomana e provare il narghilè, la tipica pipa ad acqua.

Dove dormire a Fort Worth

Worth Texas Dove dormirePer soggiornare a Fort Worth consigliamo le seguenti strutture ricettive. Davanti al White Elephant Saloon si trova lo Stockyards Hotel (109 E.Exchange Ave.) una vera icona che proietta indietro nel tempo, nell’old west, scelta anche come ambientazione di uno degli episodi di Walker Texas Ranger. Questo albergo, in stile texano e western, risale al 1907. Le camere e le suite sono uniche nel loro decoro che riflette l’epoca dell’old west e degli inizi del 19° secolo. Qui c’è tutta l’atmosfera che cerchiamo. La struttura ha due ristoranti in grado di soddisfare anche i palati più esigenti.

Nel downtown l’Ashton Hotel (610 Main St.) è un albergo dallo stile senza tempo unito al lusso moderno. Le stanze e le suite hanno decori contemporanei. La struttura accoglie anche animali di piccola taglia. A pochi passi dal downtown e da Sundance Square si trova il Texas White House B&B (1417 8th Ave.), un bed and breakfast contemporaneo in un edificio storico risalente a 100 anni fa. Ogni stanza ha il proprio stile, ad esempio tex-mex, country e cowtown.

Un hotel in una posizione meno centrale, più economico ma assolutamente consigliabile, è La Quinta Inn & Suites East Chase (8250 Anderson Blvd.) riconoscibile dal colore giallo dei muri esterni e dal rosso del tetto. Le camere spaziose e contemporanee sono dotate di microonde, frigorifero e macchina del caffè. La colazione è inclusa nel prezzo.

Godetevi le bellezze della città spaziando temporalmente dai tempi del far west fino a quelli moderni senza tralasciare il volto artistico che la contraddistingue. Divertitevi scoprendo anche i dintorni. Ogni città ha tanto da trasmettere e anche Fort Worth ha un suo fascino che, a noi visitatori attenti e curiosi, piace cogliere pienamente.

Scopri tutti gli alberghi di Fort Worth

Le città nelle vicinanze

Dallas SkylinePur nella loro diversità, Fort Worth e Dallas non possono prescindere dal fatto di essere considerate come una grande area urbana. Il centro di Dallas dista circa 35 minuti; la città può essere visitata come escursione giornaliera oppure più accuratamente per più giorni. I punti d’interesse sono vari e noi vi diamo brevemente qualche suggerimento. Nel centro città, il downtown, segnaliamo il JFK Memorial in ricordo del presidente John Fitzgerald Kennedy assassinato nel 1963 all’età di 46 anni, l’incredibile Pioneer Plaza da non perdere, nota per la sua spettacolare scultura a grandezza naturale che raffigura una transumanza di mucche longhorn, il Museum of Art con esposizioni artistiche che spaziano nei secoli e il Fair Park con i suoi edifici art decò e sculture. Gli amanti del mondo animale apprezzeranno lo zoo che risale addirittura al 1888 e l’acquario. Gli sportivi possono godersi le partite dei Dallas Mavericks nell’NBA e i Dallas Cowboys nella NFL.

A circa 20 minuti da Fort Worth, ad Arlington, segnaliamo un parco a tema che appartiene ad una famosa catena: il Six Flags Over Texas (2201 Rd. to Six Flags). Fra montagne russe, attrazioni acquatiche e spettacoli il divertimento e i brividi sono assicurati. Qui si tengono eventi anche nel periodo natalizio e ad aprile durante il festival latino. A circa un’ora da Fort Worth si trova il Southfork Ranch (3700 Hogge Dr. – Parker) noto per la celeberrima e longeva serie televisiva “Dallas”. La casa della famiglia Ewing si può visitare un tour guidato del costo di 15 dollari. Il negozio di souvenir è una tappa imperdibile per chi ha amato la serie. Ma si può fare molto di più; in questa location si tengono eventi privati, convention, seminari. Si può anche decidere di passare la giornata apprezzando semplicemente la “vita da ranch”.

Città del Texas: Metropoli, città minori e Ghost Town del Lone Star State

Città Texas

Dopo essere andati alla scoperta dei luoghi di interesse del Texas con questo articolo proseguiamo il nostro viaggio nello Stato della Stella Solitaria, proponendo una panoramica sulle principali città del Texas, senza trascurare città minori, attrazioni insolite e ghost town.

[toc]

Le grandi città del Texas

Dallas: fra musei imperdibili e football americano

città-Texas-Dallas-sky[adToAppearHere]Siete nella patria di una delle più famose e seguite squadre di football americano: i Dallas Cowboys. Per questo, se siete degli appassionati o anche semplici curiosi che vogliono scoprire qualcosa in più, non potete farvi mancare una visita con tour annesso al maestoso AT&T Stadium. Se inoltre sarete così fortunati da essere in zona durante la regular season perché non prendere in considerazione l’ipotesi di vedere una partita dal vivo?

Biglietti Dallas Cowboys

Inserisci il codice VIAGGIUSA per ottenere 10 euro di sconto su un acquisto minimo di 150 euro

La città dal 1963 è purtroppo legata a un triste avvenimento della storia americana; nelle sue strade fu infatti assassinato l’allora presidente John Fitzgerald Kennedy; a testimonianza dell’evento è dedicato il Sixth Floor Museum, una delle attrazioni più visitate della città, che sorge nell’edificio dal quale sparò Lee Harvey Oswald.

Info e biglietti per il Museo

1.-Dallas-Texas-StarSempre restando in tema di musei merita sicuramente una visita il Museum of Arts con la sua notevole collezione di opere sia europee che americane. Per una passeggiata rigenerante potete optare per una visita al Dallas Arboretum un grande giardino botanico che sorge sulle rive del White Rock Lake e dal quale si può ammirare la suggestiva skyline della città, o per una camminata al Klyde Warren Park che, pur non essendo grandissimo, ospita sempre numerose attività e una grande scelta di street food per un bel pranzo all’aperto.

L’evento autunnale per eccellenza è la State Fair of Texas una fiera statale enorme (come del resto lo è tutto quello che riguarda il Lone Star State) che ospita fra le altre cose la Texas Star ovvero la ruota panoramica più grande di tutto il Nordamerica.

Austin: capitale della Live Music

2.AustinBenvenuti in quella che non solo è la capitale amministrativa dello stato ma anche la capitale mondiale della musica live. Due sono i grandi eventi che richiamano in città migliaia di persone: il South by Southwest e l’Austin City Limits. Il primo dura quasi due settimane (quest’anno dal 10 al 19 marzo), il secondo lungo due weekend consecutivi (nel 2017 si svolgerà ad ottobre dal 6 all’8 e dal 13 al 15) nella cornice dello Zilker Park. Per entrambi gli eventi sono in vendita pass che vi permetteranno di godere appieno di quanto offerto ma se non volete spendere troppo, o non sarete in zona in quel periodo, non scoraggiatevi perché Austin offre musica live praticamente ogni giorno della settimana. Non potrete quindi farvi mancare una passeggiata lungo la 6th Street e la Red River St che, con i loro innumerevoli locali, sono il cuore della vita notturna di Austin.

2.Austin-6th-street
Austin 6th street

Anche gli amanti della storia non resteranno delusi visitando il Bob Bullock Texas State History Museum nel quale potranno rivivere attraverso numerose mostre interattive tutta la storia del Lone Star State dai tempi della guerra di indipendenza dal Messico ai giorni nostri. Notevole è anche l’imponente Texas State Capitol il palazzo del potere politico locale che vanta il primato di essere il campidoglio più grande di tutti gli Stati Uniti.

San Antonio: una delle cittadine più affascinanti dello Stato

3.San-AntonioSeconda città più popolosa dello stato dopo Houston e casa della squadra NBA dei San Antonio Spurs che giocano le loro partite nell’AT&T Center. A questo proposito naturalmente vale lo stesso discorso fatto per i Dallas Cowboy, se siete in zona durante la stagione sportiva riuscire ad assistere a una partita dal vivo è un’esperienza unica che solo gli Stati Uniti sanno offrire!

Biglietti San Antonio Spurs

Inserisci il codice VIAGGIUSA per ottenere 10 euro di sconto su un acquisto minimo di 150 euro

La particolarità che contraddistingue San Antonio da tutte le altre città del Texas è la presenza del fiume omonimo che scorre all’interno della città e nella downtown forma il famosissimo Riverwalk, la passeggiata lungo le sue sponde brulicanti di negozi, hotel e ristoranti che lo rendono il cuore pulsante della città.

3.San-Antonio-Riverwalk

Per godervi una vista dall’alto su tutta la città la scelta non può che ricadere sulla Tower of the Americas che con il suo observation deck girevole a 230 metri di altezza vi permetterà di godervi un pranzo o un semplice caffè ammirando un panorama affascinante, soprattutto di notte quando si accendono le luci della città. Abbiamo parlato più diffusamente di questo di tutto quello che vi aspetta nel nostro articolo su cosa vedere a San Antonio, così come di Alamo, la sua attrazione storica per eccellenza.

Houston: fra storia e attività spaziali

4.HoustonQuando si sente nominare la città di Huston, molto probabilmente, la prima cosa che viene in mente sono le missioni della NASA e infatti l’attrazione più visitata della città è proprio lo Space Center che offre numerose mostre, eventi ed attività dedicate alla storia delle missioni spaziali.

Il Museum District a nord dello Hermman Park è il posto perfetto per chi nei suoi viaggi cerca sempre un po’ di cultura e non può quindi farsi mancare una visita al Museum of Fine Arts, che al suo interno ospita opere di Matisse, Cézanne, Modigliani, Picasso e Rembrandt.

4.San-Jacinto-MonumentIl San Jacinto Battleground State Historic Site è il luogo dove nel 1836 le truppe texane comandate dal generale Sam Huston al grido di “remember the Alamo” sconfissero in soli diciotto minuti di combattimento l’esercito messicano e ottennero l’indipendenza del Texas. Oggi nel parco che ricorda questa battaglia potrete visitare il San Jacinto Monument, un’imponente obelisco alto quasi duecento metri, che ospita un museo e salire sulla piattaforma di osservazione per godere di una vista mozzafiato della città.

Se avete in programma di visitare Houston a cavallo fra febbraio e marzo ricordatevi di mettere in valigia i vostri stivali e cappelli da cowboy perché è molto probabile che riusciate ad assistere all’annuale Livestock Show & Rodeo che per tre settimane vi proporrà concerti, rodeo, gare di barbecue e molto altro in pieno stile western.

Città texane minori

Il centro costiero di Corpus Christi

5.Corpus ChristiGraziosa cittadina sulla costa, il perfetto punto di appoggio se si intendono visitare le attrazioni naturalistiche di Padre Island National Seashore, Mustang Island e Port Aransas (ne abbiamo parlato nel nostro articolo su cosa vedere in Texas). L’attrazione che la fa da padrona è la maestosa USS Lexington, risalente alla seconda guerra mondiale, che al suo interno oggi ospita un museo interattivo e un cinema.

Amarillo: sulle tracce della leggendaria Route 66

6.AmarilloUna delle città più simboliche della Route 66 del Texas, in cui troverete il Big Texan Steak Ranch dove, se riuscirete a finire di mangiare una bistecca di due chili in meno di un’ora, potrete scrivere il vostro nome nella gloriosa hall of fame del locale, entrare nella storia e (soprattutto) non pagare il conto! Amarillo è anche sinonimo di Cadillac Ranch forse l’attrazione più celebre di tutta la Mother Road.

El Paso: al confine col Messico

7.El PasoCittà che, come la sua controparte messicana Ciudad Juarez, si sviluppa lungo il confine fra i due paesi. Per godervi uno splendido panorama il consiglio è quello di visitare il Franklin Mountains State Park, il più grande parco all’interno di un’area urbana di tutti gli Stati Uniti, che offre la possibilità di fare numerose escursioni, le più affascinanti delle quali salgono sulla North Franklin Mountain che raggiunge un’altezza di oltre duemila metri.

I meno avventurosi possono comunque raggiungere la vetta usufruendo della Wyler Aerial Tramway, che in soli quattro minuti vi porterà a destinazione permettendovi di godere di una vista a 360° che va dalla città sottostante fino oltre il confine con il Messico.

Per quelli che non possono dire di aver visitato veramente una città senza prima aver visto un museo hanno la possibilità di scegliere fra la storia dell’arte dell’El Paso Museum of Art e l’approfondimento di una delle eredità più dolorose della seconda guerra mondiale dell’Holocaust Museum.

Fort Worth: la città western del Texas

città texas Fort-WorthPur trovandosi a meno di 50 chilometri da Dallas, non ha niente a che vedere con la metropoli vicina visto che, nonostante il passare del tempo, è riuscita a mantenere il suo caratteristico fascino western ed è quindi la città perfetta per chi si è sempre sentito un cowboy. Vale sicuramente una visita lo Stockyards National Historic District che incarna appieno lo stile della città, in cui potrete trovare negozi di souvenir, steakhouse, saloon e attrazioni, fra cui, per due volta al giorno, la parata dei Longhorn, che vi riporteranno al tempo del far west.

Il Billy Bob’s Texas è una vera e propria istituzione non soltanto locale ma di tutto lo stato, situato in quello che un tempo era un granaio, è un locale enorme che al suo interno ospita qualcosa come quaranta bar. Non mancano inoltre piste da ballo, ristoranti, concerti dal vivo e persino un rodeo! Vale una visita anche il Civil War Museum con un’ampia collezione di armi, uniformi, foto e filmati del periodo della Guerra Civile americana.

Non dimenticate inoltre che grazie al servizio navetta dallo stile retrò Molly the Trolley avrete la possibilità di girare la Downtown di Fort Worth in modo del tutto gratuito! Per ulteriori info date un’occhiata alla nostra guida su Fort Worth in Texas.

Attrazioni insolite e ghost town

Marfa: la cittadina dell’insolito

9.Prada-MarfaUna vera e propria cittadina dell’insolito, situata nel Texas occidentale fra le Davis Mountains e il Big Bend National Park. Nonostante i poco meno di duemila abitanti, sono ben tre le attrazioni per cui è famosa nel Texas e anche oltre.

La prima riguarda l’arte contemporanea ed è la Chinati Foundation ideata dall’artista americano Donald Judd che ebbe l’idea di riutilizzare gli spazi di una postazione militare in disuso per creare installazioni di arte minimalista. Se siete interessati all’argomento è sappiate che per vedere tutte le opere servirà del tempo; è necessario infatti prenotare una visita guidata che dura un’intera giornata (ma per fortuna è prevista anche una pausa pranzo).

Con la seconda attrazione andiamo nel campo del paranormale: le Marfa Lights infatti sono delle misteriose sfere di luci multicolori che appaiono durante la notte. Le teorie su questo fenomeno sono molteplici (dalla semplice rifrazione dei fari delle auto, ai messaggi degli extraterrestri) e la stazione di osservazione posizionata nei pressi della Highway 67 è la postazione privilegiata per osservarle. Chissà che non siate proprio voi a svelare l’enigma della loro natura!

Con l’ultima attrazione forse torniamo nell’ambito minimalista, usiamo la parola forse perché del Prada Marfa ognuno da la propria personale interpretazione. Si tratta di una istallazione realizzata dagli artisti danesi Elmgreen & Dragset rappresentante un piccolo negozio di Prada sperduto letteralmente in mezzo al nulla della Route 90 che, nonostante questo, attira ogni anno un discreto numero di visitatori. Se l’idea ha incuriosito anche voi attenzione a non farvi trarre in inganno dal nome perché, pur chiamandosi come la cittadina di cui vi abbiamo parlato, si trova a 60 chilometri a nord-ovest di quest’ultima, nei pressi della città di Valentine.

Stonehenge Replica

10.Stonhenge-(2)

Ebbene si, se avete sempre sognato di visitare il sito neolitico per eccellenza ma non avete mai avuto modo di andare in Inghilterra beh, non vi resta che andare in Texas dove troverete non una ma bensì due repliche! La prima è stata costruita nella città di Odessa, la seconda a Ingram dove vi troverete, tanto per non farci mancare nulla, anche delle copie delle statue Moai dell’Isola di Pasqua. Se invece siete alla ricerca di una rielaborazione bizzarra allora dovrete spostarvi in Nebraska, dove si trova Carhenge, una Stonehenge fatta di macchine d’epoca!

Terlingua

11.TerlinguaUn tempo centro minerario di discreto successo si è andata lentamente svuotando fino a raggiungere poche decine di abitanti. Continua comunque ad essere meta di visitatori sia per la sua vicinanza al Big Bend National Park, sia per i panorami che si possono osservare soprattutto percorrendo la spettacolare Farm Road 170, che per un tratto passa all’interno del grande parco.

Oltre ai caratteristici edifici abbandonati che usavano i minatori, al cimitero e alla chiesa troverete alcuni locali in cui rifocillarvi, con buone probabilità di poter anche ascoltare della musica dal vivo, come lo Starlight Theatre e la pittoresca La Kiva.

Recentemente la cittadina è tornata sotto le luci dei riflettori per alcuni fatti di cronaca da cui è stata tratta Badlands Texas, una serie di Netfix che ha riscosso un discreto successo e ha fatto aumentare il flusso di visitatori.

Cosa vedere in Texas: attrazioni e luoghi di interesse per visitare il Lone Star State

cosa vedere in texas

Il Texas è uno degli Stati del Sud ed è conosciuto anche come Lone Star State: è secondo solo all’Alaska in quanto a estensione e, come potete immaginare, di cose da vedere e da fare ce ne sono moltissime. Per questo abbiamo deciso di proporre una selezione delle migliori attrazioni per darvi un’idea di quello che vi aspetta: spazieremo dai meravigliosi siti naturali a quelli culturali per finire con le più belle spiagge su cui rilassarsi (ebbene sì, in Texas ci sono anche le spiagge!) in modo da soddisfare tutti i gusti.

PS: in questo articolo abbiamo deciso di concentrarci su attrazioni specifiche, mentre vi segnalo il mio articolo dedicato alle città del Texas. Qui non troverete neppure i luoghi di interesse della Route 66, che abbiamo già raccolto nella nostra guida su come visitare la Route 66 in Texas.

[toc]

Mappa delle attrazioni in Texas

Siti Naturali

Guadalupe Mountains National Park

1-Guadalupe-PeekSi trova nella parte ovest del Texas vicino al confine con il Colorado. Al suo interno ospita il Guadalupe Peek che con i suoi 2600 metri è la vetta più alta dello stato e dalla cui cima si può godere di una splendida vista a 360° su tutto il Texas circostante. Sono disponibili numerosi percorsi escursionistici anche di una sola giornata che vi permetteranno di stare a diretto contatto con la natura:. i due sentieri più famosi sono il Devil’s Hall Trail che vi porterà a passeggiare fra le gole del canyon e il Guadalupe Peak Trail che come potrete intuire dal nome vi permetterà di raggiungere la cima della montagna.

Padre Island National Seashore

2 Padre Island Dalla vetta più alta del Texas cambiamo totalmente il paesaggio e ci spostiamo lungo la costa dove ci attendono delle spiagge che si estendono a vista d’occhio (e se siete dotati di una macchina 4×4 potrete anche percorrerle per alcuni tratti). La peculiarità per cui è noto questo parco è la presenza di numerose tartarughe marine.

[adToAppearHere]In base al mese in cui visiterete il parco potrete osservare avvenimenti diversi, si va infatti dalla nidificazione nel periodo da aprile a agosto, alla schiusura delle uova con decine di esemplari di tartarughe che effettueranno il percorso che divide la spiaggia dal Golfo del Messico, che in genere avviene dalle sei alle otto settimane dopo la deposizione. Per questo è molto utile visitare il sito ufficiale del parco in cui potrete aggiornarvi su quali siano le date migliori per assistere a questo spettacolo della natura.

come visitare il texas

Natural Bridge Caverns

Se siete dei provetti speleologi questa attrazione situata nelle immediate vicinanze di San Antonio è sicuramente quella che fa per voi. I tour che si possono fare all’interno delle due ampie caverne naturali sono molteplici e possono accontentare tutti i gusti (e anche tutte le tasche). Nel complesso è presente anche un parco giochi con zip line annessa che rende questo posto particolarmente raccomandato se siete una famiglia con dei bambini al seguito.

Info e Biglietti per le caverne

Big Bend National Park

4-Big-Bend-2Per raggiungere questo parco ci dobbiamo spostare verso sud dove scorre il Rio Grande che segna il confine con il Messico e che rende questo parco estremamente interessante da visitare non solo per l’erosione e gli splendidi panorami che ha creato nel corso dei secoli ma anche per le attività che offre ai visitatori. Oltre alle classiche escursioni a piedi se avete la macchina adatta questo parco offre comunque molti percorsi panoramici fruibili senza fare troppa fatica.

Se siete invece dei turisti sportivi e amate le canoe potrete senza dubbio considerare una gita, di poche ore o addirittura di alcuni giorni, lungo il corso del fiume. Il confine internazionale fra Messico e Stati Uniti si trova esattamente a metà del corso del Rio Grande quindi è molto probabile che vi capiti di oltrepassarlo numerose volte durante la vostra gita in canoa ma non vi preoccupate, non sarà considerato un problema. Al contrario approdare lungo la costa messicana del fiume, a meno che non vi siano da considerare motivi di sicurezza, verrà ritenuto un attraversamento illegale del confine con tutto quello che comporta, quindi fate attenzione.

Palo Duro Canyon

Situato a sud della città di Amarillo (dove si trova Cadillac Ranch) è quindi una sosta perfetta nel caso stiate percorrendo la Route 66. Le varie sfumature di colori dal verde al rosso intenso sono la caratteristica principale di questo parco. Se dovete ancora visitare i parchi più famosi degli Stati Uniti e Palo Duro rientra nel vostro itinerario potete considerarlo come una “piccola” anticipazione di quello che vi attenderà nel proseguo della vostra avventura.

Hamilton Pool Preserve

Una splendida piscina naturale a circa un’ora di distanza da Austin è il posto ideale per fare una passeggiata e godervi un panorama molto particolare. Se la stagione lo permette potrete anche farvi una nuotata ma non sempre questo è permesso, per questo il consiglio è quello di tenere d’occhio il sito ufficiale per vedere se siano attive o meno restrizioni alla balneazione. Per preservare l’habitat naturale viene inoltre tenuto sotto controllo anche il numero dei visitatori quindi, per non trovarvi nella spiacevole situazione di dover tornare indietro, soprattutto durante la stagione estiva può essere molto utile effettuare una prenotazione presso i canali ufficiali.

Siti culturali

The USS Lexington – Corpus Christi

7-USS-LexingtonUna portaerei da guerra usata soprattutto nel Pacifico durante la seconda guerra mondiale. Risale a questo periodo il suo soprannome Blue Ghost, dovuto al fatto che ogni volta che la marina giapponese la riteneva affondata riappariva sempre intatta. Oggi è stata trasformata in un museo e si può visitare anche al suo interno raggiungendo la costa della cittadina di Corpus Christi nel Texas del sud. Può essere un’attrazione da tenere in considerazione soprattutto se state viaggiando con dei figli al seguito, visto che sono presenti un simulatore di volo, un cinema 3d e molti videogiochi.

Dallas Museum of Art

8-Dallas-Museum-of-ArtsNonostante non si tenda ad associare il Texas alla storia dell’arte visitando questo museo dovrete ricredervi. Situato nell’Art District di Dallas ospita numerose collezioni che spaziano dall’arte prettamente americana, con alcune opere di Hopper e Georgia O’ Keeffe, a quella europea. Da sottolineare la presenza anche di numerose opere di artisti italiani fra cui Canaletto, Canova, Modigliani e De Chirico.

Space Center – Houston

Insieme ad Alamo è forse l’attrazione più famosa di tutto il Texas quindi vale sicuramente la pena di visitarla sia che siate appassionati di scienza o semplici curiosi. Il complesso che ospita lo Space Center di Houston è molto grande così come le cose da vedere e da fare, per questo, a meno che non vogliate perdervi qualcosa, visitare tutto nella sua interezza potrà richiedere molto tempo a disposizione.

9-Space-Center-2

Non potete comunque privarvi della Starship Gallery, che vi permetterà di toccare con mano un vero esemplare di roccia lunare e di fare un viaggio alla scoperta dei reperti più famosi della scoperta dello spazio, fra cui il modulo di comando dell’Apollo 17.

Attraverso una specie di trenino interno potrete visitare la NASA vera e propria nel Johnson Space Center, dove vengono tuttora monitorate le operazioni della Stazione Spaziale Internazionale e gli astronauti si preparano per le missioni che dovranno intraprendere. Conclude il trittico di questi must see l’Indipendence Plaza, dove potrete ammirare una replica dello shuttle Independence, montato su un originale Shuttle Carrier Aircraft, entrambi visitabili.

A meno che non siate dotati di mezzo propri lo Space Center non è così facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici, pianificate quindi con attenzione come e quando inserirlo all’interno del vostro itinerario.

9 Space Center

Info e Biglietti per lo Space Center

The Sixth Floor Museum – Dallas

10 Sixth Floor Museum 2L’edificio situato in Dealey Plaza prima del 22 novembre del 1963 era soltanto un anonimo deposito di libri scolastici, quando però Lee Harvey Oswald alle 12.30 scelse una sua finestra del sesto piano per sparare al presidente Kennedy, diventò uno dei luoghi più famosi degli Stati Uniti.

Oggi il palazzo ospita un museo che attraverso ricostruzioni video, audioguide e materiale fotografico ripercorre la vita privata e politica di uno dei presidenti  più amati e discussi dagli americani e, se non vi sembra troppo macabro, potrete vedere (ma ovviamente non affacciarvi) la finestra dalla quale è stata cambiata la storia del mondo.

Nella piazza antistante, oltre a qualche cospiratore che propaganda verità alternative, sono presenti numerose testimonianze di quanto successo e non potrete fare a meno di notare sull’asfalto della strada una X bianca, comunque la pensiate, quello è il punto esatto in cui fu colpito Kennedy.

Info e Biglietti per il Museo

The Alamo – San Antonio

11 AlamoDi questo luogo che fu il teatro dell’episodio più famoso della guerra di indipendenza del Texas dal Messico vi abbiamo già parlato più dettagliatamente nel nostro articolo su Fort Alamo. Lo segnaliamo comunque anche qui perché è senza dubbio una destinazione da tenere in conto se state pianificando il vostro viaggio.

Spiagge del Texas

Quando si pensa alle spiagge in america i primi posti che ci vengono in mente sono la California (hai già dato un’occhiata al nostro articolo sulle migliori spiagge della California?) e la Florida (ecco la nostra selezione delle migliori spiagge della Florida) ma anche il Texas con le sue coste che si estendono per centinaia di chilometri si difende bene e offre numerose soluzioni per coloro che cercano un po’ di relax. Fra le tante opzioni ne segnaliamo tre in particolare:

  • Padre Island è una vera e propria isola che si estende lungo la costa del Texas per circa 200 chilometri ed è separato da essa dalla Laguna Madre. Ha al suo interno una doppia anima capace di soddisfare tutti gli spiriti vacanzieri; nella sua parte centrale infatti ospita la già citata riserva naturale del Padre Island National Seashore dove la natura primordiale la fa da padrona, a sud invece troverete la città di South Padre Island, famosa per i suoi alberghi di lusso, le sue attrazioni turistiche e per essere il posto perfetto per poter osservare i delfini.
  • Boca Chica State Park situata nel profondo sud del Texas, al confine con il Messico, vicino alla città di Brownsville è il posto perfetto per chi non ama la folla e preferisce la costa in cui gli unici due servizi siano il mare e la spiaggia.
  • Surfside Beach a solo un’ora di macchina da Huston, come potrete intuire dal nome è particolarmente indicata per chi ha il surf nel sangue, dato che storicamente è una delle spiagge preferite dai locali per praticare il famoso sport.

San Antonio cosa vedere: i luoghi di interesse di una chicca del Texas

San Antonio Cosa Vedere

Siamo in Texas, nel secondo più grande stato degli U.S.A per dimensione dopo l’Alaska. Nella mente abbiamo ancora i ricordi del quartiere western di Fort Worth, il museo dei Texas ranger a Waco,  la capitale Austin e altre città del Texas, ma ora, a bordo della nostra auto noleggiata da AVIS, stiamo percorrendo la zona centro-sud chiamata “hill country”, con le sue dolci colline, le pianure fluviali ed i campi di blue bonnets, i fiori blu che rappresentano questo stato (vuoi saperne di più? Nel nostro articolo su cosa vedere in Texas trovi una lista di attrazioni da non perdere!).

Siamo ancora in inverno ma la temperatura è piacevole ed il cielo è limpido. Successivamente, lungo la highway 35 sud, un cartello indica l’ingresso nella contea di Bexar. Man mano che avanziamo, all’orizzonte intravediamo il profilo di grattacieli e scorgiamo la Tower of the Americas di 230 metri, situata nell’Hemisfair park dalla cui cima (observation deck) si gode un’ottima veduta della città comodamente seduti ai tavoli del ristorante girevole “Chart House Restaurant” o al “Tower cafè”. Questa torre è stata il punto focale dell’evento fieristico internazionale denominato HemisFair’68.

San Antonio Cosa Vedere
San Antonio Skyline

Siamo arrivati a San Antonio! Più ci addentriamo in città lungo la 37 sud, più notiamo altri edifici, ad esempio l’Alamodome, lo stadio che non passa inosservato con i suoi cinque piani adibiti sia a centro convegni che ad arena per importanti eventi sportivi. In passato infatti gli “Spurs” giocavano lì le loro partite di basket, ma ora le disputano all’AT&T center. Ancora un po’ di strada e poi raggiungiamo la downtown (centro città) di San Antonio, terza città più grande dello stato per estensione e seconda per popolazione. Mentre stiamo parcheggiando, il custode si accorge immediatamente che siamo turisti e ci accoglie con un caloroso bienvenidos!

[toc]

San Antonio cosa vedere: una città ricca di storia

Più del 50% degli abitanti è di origine latino-americana, in particolare messicana. La cospicua presenza di abitanti ispanici trae origine dalla storia di San Antonio a cominciare dai primi esploratori e missionari cattolici spagnoli che arrivarono nell’area il 13 giugno 1691, il giorno della festa di Sant’Antonio da Padova. Data la sua crescita, la città ebbe il privilegio di diventare capitale del Texas dal 1776 al 1835 sotto il governo spagnolo e successivamente messicano. Ma fu veramente arduo per i Texani conquistare l’indipendenza dal Messico e The Alamo” ne è una importantissima testimonianza.

Fort Alamo: la Mission de San Antonio de Valero

San Antonio Cosa Vedere AlamoIn città ci sono cinque missioni cattoliche ma fra di loro spicca, nella centrale Alamo Plaza, la più famosa in assoluto, la “Mission de San Antonio de Valero”, da tutti denominata The Alamo o Fort Alamo, opera di Frate Antonio de Olivares e della collaborazione degli indiani locali Payaya. La missione, oltre alla sua normale funzione, venne utilizzata come una vera e propria roccaforte contro gli attacchi messicani e i ricordi degli eventi storici sono vivi più che mai. Infatti, è nota per essere stata il terribile luogo di battaglia tra texani e messicani, nel 1836 per tredici giorni.

I messicani guidati dal feroce generale Santa Anna ebbero la meglio ed è per questo che la storica frase “remember the Alamo” (“ricorda l’Alamo”) rimarrà sempre impressa in questo luogo. Memori di questa disfatta, durante la quale pare anche che sia stato ucciso il leggendario Davy Crockett, il “leone del west”, i texani reclutarono soldati da ogni parte del territorio e riuscirono successivamente ad avere la meglio e a conquistare l’indipendenza. Il territorio fu poi annesso agli Stati Uniti nel 1845. Molte scolaresche visitano l’Alamo, il cui ingresso è gratuito; ascoltare i racconti delle guide, osservare i plastici in miniatura del forte e della battaglia fa sì che i ragazzi apprendano e comprendano a fondo un’importante pagina della loro storia.

Un po’ fuori dal centro, segnaliamo anche la splendida, settecentesca Missione di San José, che si trova nell’area del San Antonio Missions National Historical Park, che raccoglie altre tre missioni oltre a questa. Il Visitor Center si trova proprio a San José (6701 San Jose Dr, a sud della Downtown).

La Downtown di San Antonio

San Antonio Cosa Vedere Arneson Theater
Arneson Theater

Abbandoniamo ora il campo di battaglia proseguendo nella downtown di San Antonio, comodamente percorribile a piedi e ci addentriamo nella “Villita”, una graziosa area storica con negozi, gallerie d’arte, ristoranti e caffetterie, situata lungo la sponda sud del fiume San Antonio. La varietà degli stili architettonici (vi si trovano edifici in mattoni, in adobe e vittoriani) riflette le molteplici origini degli immigranti che si stabilirono qui. Da qui scendiamo gli ampi gradini che si affacciano sull’Arneson Theater, un piccolo teatro all’aperto, semicircolare in pietra e mattoni, di fronte alla Villita, e poi arriviamo direttamente al Riverwalk o Paseo del Rio, che è situato un livello sotto la strada.

Il Riverwalk “Paseo del Rio”: una passeggiata che non si dimentica

San Antonio Cosa Vedere River WalkQuesto è il vero cuore pulsante di San Antonio, una piacevole passeggiata pedonale lungo le sponde dell’omonimo fiume; assolutamente da non perdere! Il Riverwalk è definito “one of the brightest jewels in San Antonio crown” (uno dei gioielli più splendenti della corona di San Antonio).

I camminamenti ospitano negozi, hotel, caffetterie, ristoranti, con i loro suoni, colori e odori, ad esempio The Republic of Texas, dove the lone star flag (la bandiera con la stella solitaria), che rievoca il soprannome dello stato texano, è disegnata sopra gli ombrelloni dei tavoli all’aperto ai quali decidiamo di cenare perché, secondo noi, un viaggio non è completo senza aver assaggiato la cucina locale. Il menu offre varie specialità, gustosi piatti Tex-Mex o unicamente della tradizione messicana. Possiamo scegliere tra carne in salsa barbeque (BBQ), pesce gatto, tortillas, chili con formaggio, nacho chips, sandwich, burger, zuppe ed insalate. E’ possibile comprare souvenir del ristorante; basta chiedere al cameriere.

Restando sempre lungo il Riverwalk e preannunciato da un simpatico scimmione, un altro ristorante da segnalare è il Rainforest Cafè dell’omonima catena internazionale, in stile foresta tropicale, in una piacevole atmosfera di luce soffusa. La prenotazione è vivamente consigliata in quanto il locale è molto richiesto e le attese possono protrarsi a lungo.

Se non avete prenotato al Rainforest cafè non spaventatevi, godetevi un drink al bar del ristorante sui divertentissimi sgabelli con le gambe a forma di giraffa, zebra e tigre dalle lunghissime code flessibili in corda. Mentre si aspetta il proprio turno  si può familiarizzare con il menù in cui, oltre a gustose pietanze dai nomi tradizionali, si trovano piatti dai simpatici nomi a tema, ad esempio: salmone tribale, zuppa safari nella giungla, insalata di pollo isola tropicale, burger bestiale, toast grigliato gorilla e pasta pianeta terra. E per i più piccoli c’è sempre il kid’s menu; se invece amate lo shopping intrattenetevi nel negozio di souvenir sempre in tema di foresta tropicale. Per un pizzico di divertimento in più qui si possono festeggiare eventi speciali.

Il Riverwalk è un continuo brulicare di gente: famiglie con figli, gruppetti di amici, teneri innamorati, uomini d’affari che trascorrono qui la loro pausa pranzo, bande di mariachi, musicisti e turisti. Durante il nostro passeggio Marianna si imbatte in Five & Dime General Store dove, fra le altre cose, si acquistano graziose T-shirt. Si tratta di una sorta di emporio dove si possono trovare souvenir, snack, prodotti di cosmesi e di cancelleria, articoli da viaggio, giocattoli e tanto altro. Gli amanti della moto apprezzeranno il negozio della Harley Davidson. Non mancano neppure alberi e fiori che abbelliscono la colorata passeggiata lungo il fiume, come pure battelli e barche pieni di visitatori che possono scegliere fra un tour lungo il fiume dal costo moderato effettuato dalla compagnia “Rio San Antonio Cruises”, un giro personalizzato in taxi boat, oppure una crociera serale con cena inclusa. Il tramonto che si ammira dalle barche prive di tetto è notevole e si beneficia anche della compagnia di anatre e papere che popolano il fiume, noncuranti della vita attiva che sta loro intorno sia di giorno che di notte.

Le sponde del fiume sono collegate tra loro da robusti ponticelli in pietra; passare da un lato all’altro del Riverwalk è quindi semplice e comodo. Durante il tragitto lungo il fiume, la barca raggiunge uno degli ingressi del Rivercenter mall, un grande centro commerciale su quattro piani in classico stile moderno americano.

In alcuni punti del centro, grazie alle ampie vetrate, si può ammirare parte del fiume San Antonio. Alcuni tra i suoi negozi sono: il famoso grande magazzino Macy’s, The Disney Store, The Body Shop, Victoria’s secret, Skechers, Dallas Cowboy per gli amanti del football, e Claire’s,  uno dei negozi, principalmente di bigiotteria, preferiti dalle teen-ager e non solo. Per i souvenir Texani consigliamo di recarvi da Texas Treasures dove abbiamo fatto buoni acquisti. All’interno del centro commerciale ci sono anche un cinema con nove sale, un teatro Imax ed un comedy club per gli amanti del buon umore.

Per un pasto veloce, economico ma anche apprezzabile, recatevi al food court, l’area dove sono concentrati alcuni fast-food intorno ad uno spiazzo nel cui centro sono posizionati i tavoli comuni dove mangiare comodamente. Da un po’ di tempo i food court sono frequenti anche in molti dei nostri centri commerciali. Si può scegliere tra pizza, pasta, gelato, biscotti (cookie), omelette, pancakes, panini, piatti a base di pollo, piatti della cucina giapponese e c’è anche il famoso Starbucks cafè.

A chi preferisce i classici ristoranti consigliamo Morton’s steakhouse per i suoi piatti di buona carne, ma nel mall sono presenti anche la cucina italiana, quella messicana e brasiliana. All’interno del centro commerciale si può pernottare nel comfort del Marriott-San Antonio Rivercenter. Quando cala la sera il Riverwalk si illumina e rende tutto ancora più affascinante; camminare lungo il “Paseo del rio” è piacevole e romantico. Il tramonto si specchia nel fiume e le luci si riflettono nell’acqua.

Tour a San Antonio: navigazioni sul fiume e molto altro!

Esiste la possibilità di prenotare anticipatamente un giro in barca sul fiume: ecco un paio di pacchetti interessanti che comprendono nel prezzo altre attrazioni di San Antonio, come il tour hop-on hop-off o l’ingresso alla Tower of the Americas:

Opzione 1 (con crociera sul fiume e hop-on hop-off)

Opzione 2 (crociera, tour su trolley storico, ingresso alla torre e altro)

Visitare San Antonio: altri luoghi di interesse

San Antonio Cosa Vedere San FernandoPer approfondire il tour di San Antonio suggeriamo di visitare la cattedrale romano-cattolica di San Fernando nella Main Square, risalente al 1731, con i soffitti finemente decorati e il fonte battesimale, ritenuto un dono del futuro re di Spagna e con i ricordi della battaglia all’Alamo, quando la bandiera sventolava durante i combattimenti. Nel 1987 Papa Giovanni Paolo II l’ha visitata durante la sua unica visita in Texas. Al suo interno si trovano le reliquie di Sant’Antonio da Padova e la tomba di Davy Crockett.

Anche il Majestic Theater in East Houston St., in stile spagnolo-mediterraneo, merita di essere incluso nella lista dei luoghi di interesse; l’ambientazione delle pareti e del soffitto della  sala è particolarmente inusuale e spettacolare; in teatro vengono rappresentati concerti e spettacoli tipo Broadway. L’edificio si può anche noleggiare per eventi privati!

Poi per completare ulteriormente la visione di San Antonio, si può raggiungere in auto l’Historic King William District dove si trovano graziose villette in stile romanico, gotico e vittoriano. La maggior parte delle proprietà sono private, anche se la Stevens Homestead è una dimora che può essere visitata. Il quartiere fu originariamente abitato da famiglie di origine tedesca e chiamato così in onore del re Wilhelm I di Prussia.

Parchi divertimenti e musei di San Antonio

E se si dispone ancora di ulteriore tempo, suggeriamo in particolar modo alle famiglie con bambini e ragazzi, e a tutti coloro che si sentono giovani nello spirito, due parchi a tema e alcuni musei che si trovano comunque anche in altre città degli States:

  • il SeaWorld, con le sue numerose attrazioni in tema marino. Si trova in 10500 Sea World Drive. Clicca qui per ottenere dei biglietti scontati.
  • il Six Flags Fiesta Texas (della catena Six Flags) con le sue montagne russe, attrazioni acquatiche, giostre e spettacoli. Si trova in 17000 IH-10 West.

Per quanto riguarda i musei di San Antonio, vi segnaliamo il celebre Centro de Artes (101 S Santa Rosa Ave), dedicato alla cultura latino-americana, e il sorprendente Ripley’s believe it or not (301 Alamo Plaza), un museo contenente immagini, oggetti bizzarri e assolutamente fuori dal comune; l’edificio stesso prelude alle stramberie che si vedranno al suo interno. Infine il famoso Louis Tussaud’s Wax Museum (Alamo Plaza) ospita statue di cera che raffigurano personaggi famosi.

San Antonio Explorer Pass: un modo per risparmiare

L’ingresso ad alcuni di questi musei e parchi divertimento è compreso nel San Antonio Explorer Pass: se avete intenzione di passare qualche giorno in città e fare una scorpacciata di tutte le attrazioni più interessanti senza spendere troppo, potreste prenderlo in considerazione. Ma prima, leggete al link sottostante quali sono gli ingressi inclusi nel prezzo.

Maggiori info sul pass

Infine… qualche consiglio ulteriore!

Visitare San AntonioIn ogni viaggio non può certo mancare l’acquisto di uno o più souvenir da portare a casa per immortalare i bei momenti della vacanza. Oltre hai già citati negozi del Riverwalk, del Rivercenter e della Villita consigliamo, non distante dal fiume San Antonio, “El Mercado”, un angolo messicano in Texas, con la sua deliziosa Market Square; è il più grande mercato messicano degli Stati Uniti, all’interno del quale vengono proposti anche eventi di musica e danza.

Qui sembra proprio di aver oltrepassato il confine: è facile lasciarsi tentare dai suoi ristoranti, ma a San Antonio non si mangia solo Tex-Mex o americano. Vale la pena provare anche i ristoranti etnici, ad esempio Schlo’s Delicatessen, nel downtown, che serve cucina tedesca dal 1917. E’ aperto anche a colazione e si possono gustare pancake, muffin, marmellate, french toast e strudel di mele. Accanto a El Mercado, si trova il museo appena citato, Centro de Artes.

Gli eventi folkloristici di San Antonio

Tour San AntonioQuando si pianifica un viaggio a San Antonio, se si è interessati alla cultura locale si possono scegliere date in concomitanza ad eventi cittadini. Ce ne sono un po’ tutto l’anno. Noi ve ne segnaliamo qualcuno. A febbraio, il “San Antonio Stock Show & Rodeo” che si svolge presso il già citato AT&T center, un’arena per attività sportive, concerti ed eventi vari.

Questo rodeo è considerato uno dei più grandi momenti per la città. Il cuore dell’evento è rappresentato dalle gare di monta dei tori, le mucche al lazo e la gimcana a cavallo fra i barili. Interessante è anche l’asta del bestiame che prosperò dopo la guerra civile del 1861-1865. Da non perdere le famose mucche texane longhorn dalle lunghe corna. Non mancano anche bancarelle di cibo ed oggettistica varia, il tutto in un’atmosfera tipicamente country western.

Da segnalare anche il “Sant Patrick’s day” in marzo, in onore del patrono d’Irlanda, l’immancabile ”Oktoberfest”, proprio come in Germania, e per gli amanti della musica il “Festival  Internazionale di Fisarmonica” in ottobre.

Le feste “latine”

Le feste più importanti che celebrano la cultura latina, parte integrante dell’anima di San Antonio, sono: il “Cinco de Mayo”, che ricorda la vittoria messicana contro i francesi nella battaglia di Puebla avvenuta il cinque maggio 1862, la festa “Diez y Seis” in settembre che rievoca la data d’indipendenza del Messico dalla Spagna avvenuta il 16 settembre 1810. A novembre i messicani ricordano i propri defunti nel “Dia de los Muertos” con processioni, costruzioni di altari e la presenza dei consueti scheletri. Tutti questi eventi sono accompagnati da esibizioni folkloristiche.

Come muoversi a San Antonio

Come muoversi a San AntonioIl cento città è facilmente percorribile a piedi ma per distanze più lunghe, se non si dispone di un’auto, San Antonio è ben fornita di mezzi di trasporto: taxi, autobus, shuttle bus e un sistema di carrozze/trolley locale. La città ha anche un aeroporto internazionale che però non è collegato direttamente alle capitali europee. Per raggiungere San Antonio si può volare da varie capitali europee su Houston, che dista circa trecento chilometri.

Cerca un volo per Houston

Poi si può scegliere se volare ulteriormente o noleggiare un’auto, scelta per la quale noi optiamo quasi sempre. Una volta presa confidenza col cambio automatico se non se ne ha familiarità, la guida sarà piacevole, le autostrade sono ampie, ben percorribili (ad eccezione delle aree metropolitane): pochissime sono a pagamento. Se avete un navigatore satellitare dotato di mappa statunitense portatelo con voi da casa oppure richiedetelo nella tariffa del noleggio (non è proprio economico), ma è molto utile soprattutto di sera o in luoghi fuori dai centri urbani.

Dormire a San Antonio: consigli utili

Per quanto riguarda il pernottamento è sempre meglio prenotare in anticipo. I motori di ricerca per gli hotel offrono anche sistemazioni con la comodità della colazione inclusa, del pagamento in loco e della cancellazione gratuita 48, 24 ore o addirittura poche ore prima del soggiorno. San Antonio offre molte possibilità sia per tipologia di sistemazione che per costo, ma è importante informarsi bene sugli eventi, convegni, fiere e vacanze scolastiche per non rischiare di non trovare disponibilità, com’è accaduto a noi, ignari di una serie di eventi concomitanti in città. In quell’occasione siamo stati fortunati a trovare due stanze disponibili presso l’attuale Days Inn, 6023 I-10W.

In generale molte stanze di hotel dispongono di una macchina per il caffè e il te o di un forno a microonde se si vuole mangiare in camera o magari si va di fretta; a volte nelle suite o mini-suite ci sono delle cucinette. La maggior concentrazione di alloggi e strutture alberghiere di categoria superiore è ovviamente nei quartieri di Downtown e La Villita, ma fuori dal centro, lungo Laredo St e Santa Rosa Avenue, ci sono alcune opzioni economiche dei migliori motel di catena.

Tutti gli alloggi disponibili a San Antonio

Alloggi economici a San Antonio

Ben due avventure texane ci hanno portato a San Antonio e ci piacerebbe ritornare, quindi ve lo consigliamo. A questo punto non resta che augurare buon viaggio!

 

Fra Mississippi Blues, Jack Daniel’s e Paludi della Louisiana: viaggio nel profondo Sud degli States

jean-lafitte

In questo viaggio da Dallas a Savannah, Andrea è riuscito a coprire gran parte delle principali attrazioni del Deep South USA, attraversando gli stati del Texas, del Mississippi, del Tennessee, della Louisiana, della Georgia e dell’Alabama. Vediamo allora di immergerci in questo splendido itinerario alla scoperta delle radici del profondo Sud degli Stati Uniti.

[toc]

Domenica 31/01: partenza

[adToAppearHere]Volo da Milano a Francoforte e quindi Dallas, con arrivo intorno alle 14:30 ora locale. Abbiamo ritirato la macchina alla Alamo in aeroporto e pernottato in un motel poco distante, per circa 39€ a camera.

Lunedì 1 febbraio: Dallas

Partiti dal motel verso le 8:30 siamo andati a Dallas, visitando Dealey Plaza, il Monumento a Kennedy, Pioneer Plaza e salendo sulla Reunion Tower per godere di una splendida vista della città. Verso mezzogiorno ci siamo diretti a sud-ovest diretti a Hico. Appena fuori Dallas ci siamo fermati lungo la strada a vedere la tomba di Clyde e a pranzare in un BBQ. Hico è la città che gira tutto intorno ad un uomo che ha rivendicato di essere Billy The Kid, e ci sono musei a tema e murales, oltre che una tomba intitolata a lui nel cimitero lungo la strada. Abbiamo poi proseguito fino ad Hamilton, la nostra destinazione per la notte.

Alloggi disponibili a Dallas

Martedì 2: Austin

2.Austin-6th-street
Austin 6th street

Da Hamilton siamo scesi a sud, diretti alla cittadina di Lampasas, molto carina. Giusto un paio d’ore per fare due passi e guardare i mercatini di artigianato messicano e siamo ripartiti diretti ad Austin, capitale dello stato del Texas. Ad Austin siamo arrivati per pranzo, e siamo andati a mangiare da Franklin, nella parte ovest della città: andateci, è il miglior BBQ del mondo! Il pomeriggio abbiamo girato per le vie del centro e del riverwalk: Austin è carina, ma molto meno di quanto pensassimo, e il suo fascino anticonformista oramai pare essersi spento. Abbiamo pernottato per circa 71€.

Alloggi disponibili a Austin

Mercoledì 3: Hamilton Pool e Luckenbach

Partenza alle 8 diretti ad Hamilton Pool, una piscina naturale ad un’ora di strada da Austin, direzione ovest: Bellissima, merita senz’altro una visita. Da qui siamo ripartiti per Luckenbach, di cui tanto avevo sentito parlare: un minuscolo insediamento (popolazione: 3 persone più 2 gatti) composto da un General Store trasandato e da una sala da ballo vecchio stile dove tutti i giorni si tengono almeno 2 concerti! E’ un posto magico, ve lo consiglio assolutamente. Da Luckenbach siamo andati a Bandera, a circa un’ora di macchina. L’autoproclamata “Capitale mondiale dei cowboy” ci ha abbastanza deluso: del west ha veramente poco se non un negozio di stivali texani (peraltro “made in China”, fate voi…). Da Bandera siamo scesi a San Antonio, dove in serata giocavano gli Spurs 😉 A San Antonio abbiamo pernottato 2 notti in un motel nel quartiere storico di “La Villita” (150€ 2 notti).

Alloggi disponibili a San Antonio

Giovedì 4: San Antonio

Giornata dedicata alla scoperta di San Antonio, una città che ha superato di molto le nostre più rosee aspettative: dal suo Riverwalk con i canali e i localini tipici a Fort Alamo (una delle attrazioni del Texas più famose), dalle missioni spagnole appena fuori città alla Tower of Americas tutto ci è piaciuto, e ci spinge a considerare questa città una tra le più belle dove siamo stati. Anche lo stesso quartiere di La Villita merita una visita, col suo stile molto messicano. Ecco un articolo su cosa vedere a San Antonio, che spiega perché valga la pena visitarla.

Alloggi disponibili a San Antonio

Venerdì 5: Houston

Houston Water WallA metà mattinata siamo partiti per Houston. Abbiamo deciso di sfruttare il pomeriggio per una visita della città, dove grattacieli enormi la fanno da padroni. Carino appena fuori città il Waterwall, una costruzione stranissima con una cascata d’acqua ininterrotta che scende dalla sua sommità. Abbiamo pernottato fuori città , nella zona di Nassau Bay, proprio davanti al Centro Spaziale della NASA. Per dormire abbiamo speso 82€.

Alloggi disponibili a Houston

Sabato 6: NASA

houston
Houston

Al mattino abbiamo visitato il Centro Spaziale: interessante, divertente, ad un prezzo ragionevole. Una visita che consigliamo assolutamente. Nel pomeriggio siamo partiti per la Louisiana, diretti a Lafayette, dove abbiamo dormito per 55€.

Alloggi disponibili a Houston

Domenica 7: Delta del Mississippi

crociera-mississippi-da-new-orleans-2Lafayette è stata una destinazione comoda per intraprendere la discesa lungo il bellissimo delta del Mississippi, che abbiamo percorso fino alla cittadina di Jean Lafitte, dove avevamo prenotato un’escursione in airboat tra i canali del delta: ci sono tantissime compagnie in zona che offrono queste escursioni, e a noi è piaciuta davvero tanto (per ulteriori dritte sull’argomento potete dare un’occhiata al nostro articolo su come fare una crociera sul Mississippi). Verso le 15 siamo partiti diretti a New Orleans, dove avevamo affittato una casa nel quartiere di Bywater, a 20 minuti a piedi dal Quartiere Francese. Tenete presente che in questi giorni a N.O. si celebra il Mardì Gras e molte strutture non hanno più disponibilità già parecchi mesi prima. Alla sera abbiamo fatto due passi in Burbon Street…il delirio più totale…fantastico! Come anche la sfilata dei carri nella vicina Canal Street.

I nostri consigli su dove dormire a New Orleans

Lunedì 8: il quartiere francese di New Orleans

mardi-gras-new-orleans
Carnevale a New Orleans

In mattinata abbiamo esplorato un po’ il Quartiere Francese fuori dalla bolgia, andando all’Armstrong Park e girando tutta la zona lungo il fiume; dal pomeriggio abbiamo ripreso a seguire i festeggiamenti del Carnevale e le sfilate dei carri.

I nostri consigli su dove dormire a New Orleans

Martedì 9: Rosedown Plantation

rosedown-plantationCi siamo concessi un’ultima mattina nel clima festoso del Carnevale, prima di imboccare il Pontchartrain e fare i quasi 40 km di questo ponte incredibile! Ci siamo diretti ad ovest verso Baton Rouge, immettendoci da qui sulla HWY 61, la Strada del Blues, che segue il corso del Mississippi fino a Memphis. Ci siamo fermati per una visita alla Rosedown Plantation, vicino a St. Francisville: una bella tappa, la piantagione è veramente maestosa e ben curata. Abbiamo quindi proseguito verso nord costeggiando il fiume entrando nello Stato del Mississippi, e continuando fino a Vicksburg, dove abbiamo pernottato per 55€.

Alloggi disponibili a Vicksburg 

Mercoledì 10: Vicksburg, Clarksdale e dintorni

Al mattino abbiamo visitato il Cimitero Nazionale appena fuori città e il piccolo museo della Coca Cola in centro: entrambe le tappe sono state molto piacevoli ed interessanti. Da Vicksburg ci siamo diretti a nord fino a Rolling Fork, una curiosa città dove le sculture di orsi la fanno da padroni. Qui abbiamo pranzato, e poi siamo partiti verso Clarksdale; prima però una piccola deviazione all’altezza di Cleveland, per andare a vedere una vecchia fattoria dove si crede sia fisicamente nato il Blues. Siamo arrivati a Clarksdale a metà pomeriggio, ancora in tempo per andarci a bere una meritata birra al Ground Zero Blues Club (il bar di Morgan Freeman) e visitare il Delta Blues Museum, che è stato un’autentica rivelazione anche per noi non appassionati di questo genere musicale. Siamo andati a dormire ad Helena, in Arkansas, circa mezzora più a nord (52€).

Alloggi disponibili nei dintorni di Helena

Giovedì 11 e Venerdì 12: i luoghi di Elvis

Tour Sun StudiosSiamo partiti da Helena abbastanza presto diretti in Tennessee, con prima destinazione Graceland: quella alla casa di Elvis è stata una delle visite più emozionanti del viaggio. Qui è tutto abbastanza caro, ma la visita è obbligatoria! Dopo pranzo siamo arrivati a Memphis, che abbiamo scoperto essere una città molto piacevole e carina, con un sacco di murales, vecchi edifici in mattoni, musei interessantissimi e un Riverwalk stupendo. Ci siamo fermati due notti (pernottato in centro, 250€), e visitando tra l’altro i Sun Studio, il Museo dei Diritti Civili e la fabbrica delle chitarre Gibson in centro.

Alloggi disponibili a Memphis

Sabato 13: Tupelo

tour elvisSiamo partiti da Memphis per rientrare in Mississippi, diretti a Tupelo: dopo Graceland non potevamo non andare a vedere la casa natale del Re… Quindi ci siamo spostati ad est, fino ad arrivare ad Huntsville, in Alabama, una cittadina tranquilla e piacevole, ottima per la nostra escursione del mattino seguente. Abbiamo pernottato per 54€.

Alloggi disponibili a Tupelo

Alloggi disponibili a Huntsville

Domenica 14: Lynchburg e Nashville

cosa vedere a Nashville
Nashville

Lasciamo l’Alabama alle 8, diretti nella minuscola Lynchburg, in Tennessee, patria del leggendario Jack Daniel’s. La visita era gratuita, interessantissima e divertente. Da qui ci siamo spostati a Nashville, capitale dello Stato, dove abbiamo pernottato relativamente in centro per 80€. A Nashville il tempo non è stato dalla nostra, ma abbiamo comunque potuto visitare Cooter’s, l’Antique Archeology, parte del centro e un delizioso ponte pedonale nella parte sud della città.

Alloggi disponibili a Nashville

Lunedì 15: Pigeon Forge e Gatlinburg

pigeon-forgeSiamo partiti sotto la pioggia diretti ad est, nella zona delle Smoky Mountains, in una cittadina chiamata Pigeon Forge: insieme alla vicina Gatlinburg, ti fanno sentire in un altro mondo, con le vie tutte piene di illuminazioni natalizie in grande stile (tutto l’anno a quanto pare!) e le attrazioni più improbabili, come case rovesciate, King Kong e addirittura il Titanic! Inoltre nella zona ci sono un sacco di splendide distillerie di Moonshine che meritano una visita.

Alloggi disponibili a Pigeon Forge

Martedì 16: Chattanooga e Rock City

Georgia Top 10
Rock City

Stavolta il tempo era migliore, e siamo potuti partire verso le 9 diretti a Chattanooga, dove abbiamo visitato Ruby Falls, le cascate sotterranee più alte al mondo, e Rock City, un parco sulla sommità di Lockout Mountain popolato da…gnomi. Curioso e divertente. Lasciata Chattanooga siamo quindi entrati in Georgia, diretti ad Atlanta, dove ci siamo fermati 3 notti (in centro, 257 €).

Alloggi disponibili ad Atlanta

Mercoledì 17, giovedì 18: Atlanta

Georgia top 10Atlanta ci è piaciuta un sacco, piena di parchi, tantissimo verde e gente amichevole; si gira benissimo a piedi, almeno da dove avevamo il motel. La abbiamo scelta per diversi motivi: abbiamo ripercorso le location di “The Walking Dead” e “Hazzard”, siamo andati al concerto di Springsteen e al World of Coca Cola. Sono stati tre giorni magnifici! Ecco una guida su cosa vedere ad Atlanta!

Alloggi disponibili ad Atlanta

Venerdì 19: Savannah

Georgia top 10
Piantagione di Wormsloe

Lasciamo Atlanta nel primo pomeriggio per raggiungere Savannah, ultima tappa del nostro viaggio. Abbiamo ancora il tempo di visitare la stupenda Piantagione di Wormsloe, fare un giro in centro e cercare anche la panchina di Forrest Gump che è qui in un piccolo parco nel centro. Anche a Savannah il Riverwalk è molto bello e pieno di locali che cucinano un ottimo pesce (per ulteriori info non perderti la nostra guida su cosa vedere a Savannah).

Alloggi disponibili a Savannah

Sabato 20: Ritorno in Italia

Siamo ripartiti da Savannah diretti a Milano con scalo a Newark; arrivati in Italia intorno alle 8 di domenica mattina.

E’ stato un viaggio lungo e interessante, diverso dal solito. Meno posti da “WOW!” ma più personale, dove ognuno era libero di ricercare le emozioni che voleva; la gente, le città, i parchi, ogni cosa ti regala emozioni uniche. Consigliatissimo!!!

Da Houston a Los Angeles: il viaggio di Tiziana

on the road

Il nostro viaggio è stato di quasi 10 mila km ed è stato piuttosto economico rispetto alle aspettative (circa 2500 euro a testa). Io ed il mio fidanzato siamo partiti da Milano Malpensa il 10 agosto 2015, con un volo acquistato 4 mesi prima a meno di mille euro, alla volta dell’aeroporto internazionale George Bush di Houston.

Qui abbiamo pernottato nell’hotel Magnolia, un albergo 4 stelle bellissimo (e carissimo) che si trova nella downtown della città. Consiglio questo albergo per provare l’ebbrezza di vivere due giorni nel lusso.

Ci siamo fermati a Houston 2 giorni. La downtown è molto carina ma molto costosa in tutto, alberghi, ristoranti e parcheggi! Il secondo giorno abbiamo visitato Galveston, l’isola che si trova a sud di Houston nel golfo del Messico; abbiamo percorso l’isola in auto in tutta la sua lunghezza per ammirare le tipiche case a palafitta ed i bellissimi panorami.

houston
Houston

Il giorno successivo, il 12/08, siamo partiti alla volta di New Braunfels, una carinissima cittadina vicino a San Antonio, città del Texas di cui si parla nell’articolo Cosa vedere a San Antonio. Questa località è rinomata perché possiede una parco acquatico enorme e bellissimo che sorge intorno al Comal River; nel parco è anche possibile affittare le camere d’aria galleggianti (Inner tube) con cui percorrere il fiume.

Due giorni dopo, il 14/08, partiamo alla volta di Amarillo per visitare il famoso “Cadillac Ranch”, tappa immancabile della Route 66. Qui abbiamo pernottato al Travelodge Amarillo a soli 34 $. La qualità degli alberghi della catena Travelodge non è molto alta ma i prezzi sono davvero convenienti!

Il 15/08 partiamo alla volta di Albuquerque, in Nuovo Messico, visitando prima Santa Fe, in modo da percorrere la via dei Turchesi, ovvero la strada che va da Santa Fe ad Alburqueque che ricalca la via dei cercatori dei turchesi. Santa Fè è la capitale del New Mexico ed è una città dedicata alla fede a San Francesco d’Assisi! Consiglio vivamente la visita a questa bellissima cittadina per i suoi  caratteristici edifici in stile Adobe e perchè intrisa di cultura dei nativi e negozietti di artisti.

La sera siamo giunti ad Alburqueque dove abbiamo pernottato per una notte al “Travelodge Alburqueque Midtown” per soli 38$.

vla

Il giorno successivo ci siamo avventurati alla ricerca del Very Large Array che si trova nella località di Soccorro a due ore di auto da Albuqueque. Il VLA è un’enorme radio-osservatorio astronomico nazionale costituito da 27 antenne paraboliche (del diametro di 25 metri ciascuna), disposte lungo 3 braccia a forma di una gigantesca Y. La stazione ha il compito di raccogliere le onde radio provenienti dall’universo e decodificarle in immagini (buchi neri, galassie, stelle).

Il 16/08 siamo partiti per Gallup dove avevamo prenotato una notte all’America’s Best Value Inn & Suites, a soli 40$; questa è un buona catena di motel (puliti e con una bella colazione) dai prezzi abbastanza accessibili; in particolare il motel di Gallup era ottimo ma, purtroppo, la vicina stazione dei treni rendeva impossibile dormire la notte. Siccome la rete ferroviaria attraversa quasi interamente la città, conviene prenotare alberghi lontani dal centro. L’assordante e frequente fischio dei treni ha disturbato notevolmente tutto il nostro soggiorno a Gallup, ma è una cittadina che consiglio assolutamente di visitare, perché è una cittadina bella ed interessante. Qui, come in molte altre città e villaggi della regione, è ancora vivo il ricordo dell’oppressione subita dai nativi. I conflitti che si sono susseguiti nei secoli e le sofferenze di questi periodi bui, vengono ricordati nei murales disseminati per la città, di cui ne narrano la storia.

Il 17/08 abbiamo visitato Acoma Pueblo, un antico villaggio di nativi Acoma, la cui riserva si estende intorno al pueblo per circa 1.530 km².  Il sito si trova sulla cima di un altopiano che si erge verticalmente per circa 110 metri sulla valle. Nella Skycity ci sono solamente le antiche abitazioni, tuttora in uso, e la chiesa di San Esteban Rey, che però oggi è sconsacrata ed utilizzata dal popolo Acoma. Il villaggio è tenuto benissimo ed è molto suggestivo. Il popolo Acoma organizza visite guidate ogni mezz’ora al costo di 20$ circa con incluso il servizio navetta per raggiungere il sito; non è possibile accedere al villaggio con la proria auto e senza la guida. L’organizzazione per l’accoglienza dei turisti è molto ordinata ed efficiente.

 

 

I due giorni seguenti, il 17-18 agosto, abbiamo pernottato al “Red Roof Inn Gallup”, modificando il nostro itinerario, per via dell’infezione al dente (vedi sotto nelle note). Era per noi fondamentale non allontanarci molto da Alburquque, che è infatti l’unico grande centro abitato dotato di un Emergency care center fino a Las Vegas. I Red Roof sono una catena di alberghi piuttosto valida e dotati quasi sempre di piscina.

Da Gallup abbiamo quindi compiuto le escursioni a Canyon De Chelly ed alla Monument Valley, due siti imperdibili di questo tour.

Il 19/10 siamo ripartiti alla volta di Page, la cittadina affacciata sul Lake Powell, il lago generato dalla diga costruita sul Colorado River; da Page siamo quindi scesi verso il Grand Canyon, dove la notte del 19 agosto abbiamo pernottato presso Hotel Quality Inn Navajo Nation (a circa 130 euro) un hotel grazioso in stile Navajo, a Tuba city, in una simpatica cittadina nata nel sito di un antico Trading Post.

Nel viaggio da Page al Grand Canyon ci siamo fermati per per un breve walking tour alla scoperta dei coralli e dei resti dei dinosauri disseminati nella valle; consiglio vivamente anche questa piccola escursione in compagnia dei nativi.

Il 20/08 dedichiamo l’intera giornata al Grand Canyon, (bellissimo, immenso, incredibile) e la sera pernottiamo al Travelodge Kings House di Flagsaff a circa 75$. Abbiamo prenotato questo hotel due giorni prima del nostro arrivo a causa della variazione di itinerario per motivi di salute e, nonostante l’alta stagione, il prezzo non è stato eccessivo. Flagstaff è una cittadina montana un po’ hippy e molto graziosa che consiglio vivamente; inoltre nell’area ci sono molte attrazioni e bellissimi parchi da visitare.

Il 21/08 approdiamo nella caotica Las Vegas. Qui abbiamo pernottato Whiskey Pete’s Hotel & Casino, a Primmvalley (NV), una sorta di sobborgo che dista circa 50 km da Las Vegas (in realtà a Primvalley c’è solo il Casinò ed un parco divertimenti). Consiglio vivamente questo hotel perchè: si trova lontano dal caos di Las Vegas, ha una grande piscina con tanto di vasca idromassaggio Jacuzzi ed ha un ottimo rapporto qualità/prezzo (solo 34 euro a notte); per contro, è un po’ lontano dalla città ed al piano terra dell’albergo c’è il Casinò sempre affollato. A Las Vegas abbiamo visitato il negozio del celebre programma televisivo Affari di Famiglia (“Gold & Silver Pawn Shop”) e la famosa “Strip”.

Siccome Primavelley dista solo 400 miglia da Los Angeles, domenica 23 agosto decidemmo di finire il nostro coast to coast con un bel bagno nell’Oceano Pacifico. Los Angeles è una città immensa, il cui centro dista 60 km dall’inizio dell’area urbana! La metropoli è interamente percorsa dalle Highways, perennemente congestionate dal traffico, dalle quali si esce per raggiungere i vari distretti; ci sono talmente tante autostrade che persino il nostro navigatore (europeo) è impazzito!!

Da Los Angeles è iniziata la via per il ritorno a Houston.

noi-china-town-LAIl 23 agosto, come priima tappa del ritorno, abbiamo pernottato al Travelodge Kings House di Flagstaff (AZ), per circa 65$.

Il giorno seguente, il nostro itinerario prevedeva di visitare il “Meteor Crater” vicino a Wislow, rinomato per essere il cratere meteoritico meglio preservato del mondo.

Nella stessa giornata siamo riusciti a visitare la famosa “Petrified National Forest”, un bellissimo sito archeologico-naturale dove si posso ammirare enormi minerali derivanti dalla pietrificazione degli alberi di foreste risalenti a milioni di anni fa, nonché un vero e proprio deserto dipinto in Arizona! Un’altra esperienza mozzafiato che ci ha riempito gli occhi ed il cuore!!

I giorni seguenti abbiamo quasi solo guidato per tornare a Houston ed assaporarci per l’ultima volta i paesaggi di questo paese così variegato.

Il 24/08, abbiamo nuovamente pernottato al “Travelodge” di Alburqueue (a 38$) ed il 25/08 al “Red Roof Inn” di Wichita Falls (a 50$). Quest’ultima è una cittadina texana abbastanza triste ed anonima che sconsiglio totalmente, anche perché, qui abbiamo subito l’invasione di grandi cavallette nere scappate dai campi, forse in seguito a qualche violento temporale, ed è stato terribile.

Abbiamo infine trascorso l’ultima notte prima del volo (il 26/08) al “Knights Inn” di Houston, un hotel con una buon rapporto qualità/prezzo, situato nei pressi dell’aeroporto.

Note di viaggio

  1. A Houston abbiamo affittato una macchina prenotata su Budget. L’auto era un bellissimo fuoristrada nuovo che ci è costato solo 560 euro (la spesa finale è stata poi di 700 euro circa) per 21 giorni, ma senza navigatore. Per risparmiare abbiamo invece utilizzato il mio navigatore italiano sul quale ho installato la mappa degli Usa acquistata on line sul sito. Viaggiare in auto negli USA è la scelta migliore perchè la benzina è piuttosto economica (si passa da 1.30 $ al gallone in Texas ai 4 $ a gallone di Los Angeles) e non si pagano le autostrade. La patente internazionale non è obbligatoria in tutti gli stati USA; in alcuni basta quella italiana.
  2. Durante la prima giornata negli USA il mio compagno ha cominciato ad avvertire un forte dolore al dente. Il giorno dopo quindi, siamo finiti da un dentista che ci ha fatto una visita basilare a soli 100$ (in cui è stata diagnosticata l’infezione e ci hanno prescritto gli antibiotici). Pertanto, con le opportune attenzioni per non farsi caricare spese inutili, negli USA si può andare anche da un dentista privato senza indebitarsi troppo. Invece, sconsiglio fortemente di recarsi in ospedale che è molto costoso; è meglio rivolgersi agli Emergency Care Centers. Per la visita del odontoiatrica ho dovuto anticipare tutte le spese, che l’assicurazione mi ha poi rimborsato, una volta rientrati in Italia (attenzione per le spese dentistiche le assicurazioni base coprono solo fino a 300 euro di spesa!). Mi sono trovata molto bene con l’assicurazione Columbus, che è piuttosto vantaggiosa e mi ha fornito una buona assistenza telefonica per tutto il decorso dell’infezione.
  3. Siamo rimasti piacevolmente sorpresi dal fatto che tutti i parchi nazionali governativi siano piuttosto economici, inoltre possano essere visitati con la propria auto e senza bisogno di prenotazione, anche in alta stagione. Invece è essenziale prenotare con largo anticipo il pernottamento; in agosto infatti i prezzi sono piuttosto alti e le strutture alberghiere al completo.
  4. Il visto chiamato Esta costa circa 20$. Fate attenzione ai siti che utilizzate per il suo acquisto. Io ho usato il sito usavisaonline.org e me lo ha fatto pagare 79 euro!!

Dove dormire sulla Route 66: motel e hotel consigliati lungo il percorso

Route 66 dove dormire

Con questo articolo vogliamo offrirvi una selezione di hotel e motel che potrete incontrare durante il vostro viaggio lungo gli Stati attraversati dal percorso della Route 66. Abbiamo fatto una selezione premiando quelle strutture che fra tutte potevano offrire un’atmosfera più vicina possibile a quella che ci si aspetterebbe da un viaggio on the road sulla strada più famosa degli Stati Uniti, oltre ovviamente alla loro vicinanza alle attrazioni principali.

[ebookadr-66]

Gli hotel e motel sulla Route 66 selezionati sono disposti in ordine di tragitto da Est a Ovest (da Chicago a Santa Monica – California per intendersi). Per elaborare un itinerario vi ricordiamo di dare un’occhiata al nostro precedente articolo su come pianificare un percorso Route 66.

[toc]

Illinois

Lo stato di partenza (o di arrivo) della Route 66. Una volta lasciata Chicago alle vostre spalle inizierete ad incontrare una serie di piccole cittadine in cui le vecchie stazioni di benzina e i giganteschi muffler man la fanno da padrone. Inoltre visiterete i luoghi di Abraham Lincoln, uno dei presidenti americani più famosi. Potete trovare tutte le informazioni dettagliate sul nostro articolo dedicato al percorso della Route 66 in Illinois.

Route 66 Hotel And Conference Center – Springfield

Se avete iniziato il vostro viaggio da Chicago questo potrebbe essere un buon posto da considerare come prima sosta del vostro on the road. È un classico motel americano, quindi non aspettatevi troppo lusso. Da fuori può rischiare di essere confuso con un vero e proprio museo della Route 66, sensazione che vi si ripresenterà una volta entrati quando scoprirete una grande quantità di cimeli, fotografie e arredi che rimandano alla storia della Mother Road.

Essendo situato nella città di Springfield, le principali attrazioni nelle immediate vicinanze sono quelle legate ad Abramo Lincoln, fra cui senza dubbio vale la pena menzionare il Presidential Library and Museum (212 N. Sixth St.) e il mausoleo situato presso l’Oak Ridge Cemetery. A pochi passi dal motel potrete invece trovare il Cozy Dog Drive-In (2935 S 6th St.), conosciuto come il posto dove sono stati inventati i famosi corn dog locali.

[mks_icon_text icon=”icon: car” icon_color=”#1e73be”] Indirizzo: 625 E St Joseph St, Springfield, IL [/mks_icon_text]

Prenota l’albergo su:

Altre soluzioni per dormire a Springfield

Altri alloggi vicini alle attrazioni della Route 66 in Illinois

Se volete alcuni consigli su dove dormire a Chicago potete leggere il nostro articolo dedicato. Altre buone soluzioni, oltre alla già citata Springfield, possono essere le cittadine di Pontiac e Bloomingtom. Per quanto riguarda la prima, data la sua atmosfera caratteristica, potete leggere la sezione dedicata a dove dormire sul nostro articolo interamente focalizzato su cosa vedere a Pontiac.

Per quanto riguarda Bloomington invece segnaliamo:

  • Residence Inn by Marriott Bloomington: un albergo moderno che ha il pregio di sorgere sul tratto cittadino della Route 66 permettendovi così di non fare alcun tipo di deviazione dal vostro percorso.

Missouri

Benvenuti nello stato che ospita… la sedia a dondolo più grande del mondo! Oltre ovviamente alla città di Saint Louis e a tante altre curiosità che vi invito a leggere nel nostro articolo dedicato al percorso della Route 66 in Missouri.

Wagon Wheel Motel – Cuba

Route 66 dove dormireQuesto motel è uno fra i più conosciuti e “antichi” della Route 66, dato che opera continuativamente fin dagli anni ’30 ed è stato recentemente restaurato.  Se passerete da queste parti quando il sole è tramontato non potrete non notare la sua riconoscibilissima insegna al neon far bella mostra di sé. Le attrazioni principali vicino a questa struttura sono sicuramente i murales di Cuba che, disseminati lungo la piccola cittadina, ripercorrono la storia della comunità locale, e, a quattro miglia di distanza, la piccola comunità di Fanning che ospita la nota sedia a dondolo più grande del mondo.

[mks_icon_text icon=”icon: car” icon_color=”#1e73be”] Indirizzo: 901 E Washington Blvd, Cuba, MO [/mks_icon_text]

Prenota l’albergo su:

Cerca altri alloggi a Cuba

Boots Motel – Carthage

Route 66 dove dormire
Foto di Stu Rapley

La fama di questo motel che ha iniziato la sua attività nel 1939 è dovuta anche al fatto che il noto attore Clark Gable vi soggiornò per un breve periodo. Piccola nota di colore: in perfetto stile Route 66 degli anni d’oro nelle camere non sono presenti televisioni ma solo radio (il wi-fi comunque c’è). Nei pressi del Boots Motel un’attrazione che vale sicuramente la pena visitare è Red Oak II, una ghost town molto particolare che deve la sua peculiarità al fatto di essere praticamente una riproduzione della cittadina che l’artista Lowell Davis si fece carico di ricostruire dopo aver visto i suoi luoghi d’infanzia con il passare degli anni andare via via scomparendo.

[mks_icon_text icon=”icon: car” icon_color=”#1e73be”] Indirizzo:  107 S Garrison Ave, Carthage, MO [/mks_icon_text]

Prenota l’albergo su:

Altre soluzioni per dormire a Carthage

Altri alloggi vicini alle attrazioni della Route 66 in Missouri

Nella città di Saint Louis segnaliamo:

  • Hilton St. Louis at the Ballpark: se amate il baseball questo è l’albergo che fa per voi. Costruito a ridosso del Busch Stadium, casa dei St. Louis Cardinals, dispone di una bella vista sullo stadio stesso e sul famoso Gateway Arch.

Per altri consigli potete leggere la sezione dedicata ai consigli sul pernottamento nell’articolo su dove cosa vedere a Saint Louis.

In Missouri troviamo un’altra città chiamata Springfield (del resto è uno dei nomi più usati in America) ottima soluzione se si vogliono visitare le Fantastic Caverns. Trovandosi ad un’ora di macchina da Carthage può essere inoltre una buona soluzione se non si è trovato alloggio nello storico Boots Motel. In questa città consigliamo:

  • Best Western Route 66 Rail Haven: anche se fa parte di una grande catena in questo albergo si respira un’atmosfera anni ’50. Nonostante la modernità della struttura infatti sono molti i richiami alla Route 66 sia negli arredi delle camere che negli esterni, dove si possono osservare due pompe di benzina come si potevano trovare lungo il percorso della Mother Road.
  • The Mansion at Elfindale: questo splendido bed and breakfast con camere in stile vittoriano e corredato perfino da una cappella che viene utilizzata per celebrare matrimoni è sicuramente una scelta consigliata se volete pernottare in una struttura unica nel suo genere.

Fra la città di Cuba e Lebannon una buona scelta di alberghi, molti dei quali sorgono lungo il percorso della Route 66, la offre la offre Rolla in particolare segnalo:

  • Super 8 by Wyndham Rolla: una struttura semplice ma ben curata che offre camere spaziose e la comodità di poter usufruire di una piscina interna, molto utile se passerete di qua in estate per cercare un po’ di refrigerio.

Kansas

Come forse saprete la striscia di Mother Road che attraversa questo stato è davvero breve, ciò nonostante offre alcune attrazioni caratteristiche che vale la pena visitare. Scoprite tutto quello che c’è da vedere leggendo il nostro approfondimento dedicato al percorso della Route 66 in Kansas.

The Old Riverton Post B&B

Route 66 dove dormireA Riverton fra Galena e Baxter Springs si trova questo grazioso Bed & Breakfast che sorge su un edificio storico risalente al 1898. Recentemente è stato completamente ristrutturato ed oggi offre ai suoi ospiti una struttura ben tenuta con un personale cortese e ben disposto a fornirvi informazioni aggiuntive sia riguardanti il mondo della Route 66 che delle attrazioni della zona.

[mks_icon_text icon=”icon: car” icon_color=”#1e73be”] Indirizzo: 7378 SE 70th St, Riverton, KS [/mks_icon_text]

Prenota l’albergo su:

Oklahoma

Balene blu, negozi dedicati esclusivamente alle bibite gassate, ghost town e musei sulla storia della Mother Road. Questo e molto altro vi aspetta lungo il percorso della Route 66 in Oklahoma.

The Campbell Hotel – Tulsa

Route 66 dove dormireQuesto albergo è un po’ diverso da quelli trattati fino a questo momento perché, pur essendo costruito verso la fine degli anni ’20, nel 2011 è stato completamente restaurato ed è diventato un albergo di lusso con servizi da centro benessere al suo interno. Abbiamo deciso di inserirlo comunque nella lista perché lo stile è comunque rimasto legato alla sua tradizione e può essere l’occasione giusta per concedervi un momento di relax durante il vostro on the road.

Durante il vostro soggiorno se siete appassionati di musica folk non potete farvi mancare una visita al Woody Guthrie Center (02 East M.B. Brady St.), dedicato interamente alla vita dell’artista e alla sua influenza nella musica americana.

[mks_icon_text icon=”icon: car” icon_color=”#1e73be”] Indirizzo: 2636 E 11th St, Tulsa, OK [/mks_icon_text]

Prenota l’albergo su:

Altre soluzioni per dormire a Tulsa

Altri alloggi vicini alle attrazioni della Route 66 in Oklahoma

Proprio nel bel mezzo dello stato sorge la capitale Oklahoma City che, come potrete immaginare offre numerose soluzioni per dormire. Vi segnalo:

  • Colcord Hotel: un albergo storico della città risalente al 1910, oggi ristrutturato, che al suo interno ospita anche il rinomato ristorante Flint. Raccomandato quindi non solo per dormire ma anche se cercate un luogo per mangiare.
  • Residence Inn by Marriott Oklahoma City: situato nello storico e vivace quartiere di Bricktown questa elegante e moderna struttura offre camere spaziose e pulite dotate di tutti i comfort.

Altre città lungo il corso della Route 66 che offrono delle buone soluzioni sono Clinton ed Elk City che ospitano entrambe degli interessanti musei sulla Mother Road.

Texas

Lo stato del famoso Cadillac Ranch, forse una delle attrazioni più famose della Route 66 e dell’ingiustamente meno noto… Museo del Filo Spinato 🙂 . Inoltre qui si trova il Midpoint: ovvero l’esatta metà della Mother Road. Scoprite tutte le altre attrazioni con il nostro articolo dedicato al percorso della Route 66 in Texas.

The Big Texan Motel – Amarillo

Route 66 dove dormireForse avrete sentito parlare del famoso Big Texan Steak Ranch, il ristorante icona di Amarillo e di tutta Route 66 in cui potrete mettere alla prova il vostro stomaco cercando di mangiare in un’ora una bistecca da due chili ed entrare nella storia scolpendo il vostro nome nella Hall of Fame. Come avrete quindi intuito il Big Texan Motel sulla Route 66 è un’estensione del ristorante ed è sicuramente il posto ideale per riprendersi da un lungo viaggio e riposarsi dopo aver dato del vostro meglio a tavola.

Tutto è in stile western e osservandolo dall’esterno vi sembrerà di essere sul set di un film, quindi se non amate troppo il kitsch potrebbe non fare al caso vostro, se invece per voi un viaggio on the road non può definirsi tale senza aver vissuto questo tipo di atmosfere uniche una sosta sarà d’obbligo. Una volta ad Amarillo non potrete non visitare il celebre Cadillac Ranch (tappa obbligata per chi voglia visitare il Texas) ovviamente con Bruce Springsteen come colonna sonora e magari armati di bomboletta spray da usare per lasciare una testimonianza del vostro passaggio.

[mks_icon_text icon=”icon: car” icon_color=”#1e73be”] Indirizzo: 7701 East Interstate 40, Amarillo, TX [/mks_icon_text]

Prenota l’albergo su:

Altre soluzioni per dormire a Amarillo

Altri alloggi vicini alle attrazioni della Route 66 in Texas

Una delle prime cittadine che si incontrano entrando in Texas è Shamrock, che ospita il pittoresco edificio in art déco U Drop Inn, che vale una foto soprattutto di notte, quando si colora delle luci dei suoi neon.

  • Shamrock Country Inn: un Motel curato che più che essere a tema Route 66 lo possiamo definire interamente a tema Texas! Murales e oggettistica infatti sono completamente dedicati al Lone Star State.

Una volta superato Amarillo poco più di un’ora di macchina vi separerà dal confine con il New Mexico, e anche le occasioni di pernottamento non saranno tante se si esclude la piccola città di Vega.

  • Station 66-Vega: se siete un gruppo in viaggio negli Stati Uniti questa casa vacanza arredata in tema Route 66 può essere una scelta che fa al caso vostro.

New Mexico

Vecchi Pueblo dei nativi americani, una scala miracolosa, la città di Breaking Bad. Non vi basta? Allora scoprite tutte le altre attrazioni leggendo il nostro articolo dedicato al percorso della Route 66 in New Mexico.

Blue Swallow Motel – Tucumcari

Tappe Route 66Questo Motel ha una delle insegne al neon più note fra quelle che si possono incontrare percorrendo la Route 66, tanto da essere riprodotta in molte guide (fra cui anche la nostra) e cartoline. Anche la qualità della struttura, pur essendo un semplice motel, è ottima, aspetto che aggiunge un’ulteriore ragione per sceglierlo. Immergetevi la sera fra le luci multicolori del neon e vi sembrerà di essere tornati indietro nel tempo.

Una volta a Tucumcari non potete perdervi uno dei negozi più particolari della zona, il Tee Pee Curios, come fare a riconoscerlo? Semplice: appena vedrete una tenda indiana accanto a quella che era una vecchia stazione di servizio sarete arrivati nel posto giusto.

[mks_icon_text icon=”icon: car” icon_color=”#1e73be”] Indirizzo: 815 E. Route 66, Tucumcari, NM [/mks_icon_text]

Prenota l’albergo su:

Cerca altri alloggi a Tucumcari

El Rey Court – Santa Fe

Route 66 dove dormireQuesto hotel offre un’atmosfera che rispecchia in modo ottimale le costruzioni in stile adobe di questa zona degli Stati Uniti. Gran parte delle camere si affacciano su un ampio giardino molto curato, come tutto il resto della struttura, in cui è anche presente una piscina e una palestra. El Rey Court non si trova nel centro della città, che dista un paio di chilometri, ma è comunque facilmente raggiungibile in macchina in poco meno di cinque minuti.

Sicuramente da visitare nella città di Santa Fe sono i caratteristici edifici religiosi fra cui la Loretto Chapel (207 Old Santa Fe Trail) con al suo interno la nota Miraculous Staircase e il Georgia O’Keeffe Museum ospitato nei locali di quella che fu una ex missione (abbiamo parlato di entrambe le attrazioni nel nostro articolo sul percorso della Route 66 in New Mexico).

[mks_icon_text icon=”icon: car” icon_color=”#1e73be”] Indirizzo: 1862 Cerrillos Road, Santa Fe, NM [/mks_icon_text]

Prenota l’albergo su:

La Fonda on the Plaza Hotel – Santa Fe

Route 66 dove dormire
Foto di Kent Kanouse

Anche questo è un albergo in stile adobe situato nel centro dell’antica capitale del New Mexico e anche per questo è un po’ più dispendioso rispetto al Rey Inn, anche se offre la stessa atmosfera. Se preferite un pernottamento più vicino alle attrazioni e ai negozi di Santa Fe oppure non avete trovato posto al precedente albergo, La Fonda è sicuramente una valida alternativa da considerare, soprattutto se volete per un giorno parcheggiare la vostra macchina e sgranchirvi un po’ le gambe passeggiando per la città.

[mks_icon_text icon=”icon: car” icon_color=”#1e73be”] Indirizzo: 100 E San Francisco St., Santa Fe, NM [/mks_icon_text]

Prenota l’albergo su:

Cerca altri alloggi a Santa Fe

Monterey Non-Smokers Motel – Albuquerque

Route 66 dove dormire
Foto di Paul Gorbould

Se volete soggiornare nella città di Albuquerque vi consigliamo questo motel con piscina noto fra i frequentatori della Route 66 per l’ottimo rapporto qualità prezzo a due passi dalla graziosa Old Town con i suoi pittoreschi negozi. Ovviamente, come potrete intuire dal nome, è vietato fumare!

Se siete appassionati di serie tv vi segnaliamo il nostro itinerario dedicato alle location di Albuquerque Breaking Bad.

[mks_icon_text icon=”icon: car” icon_color=”#1e73be”] Indirizzo: 2402 Central Ave SW, Albuquerque, NM [/mks_icon_text]

Prenota l’albergo su:

Cerca altre soluzioni per dormire a Albuquerque

El Rancho Hotel & Motel – Gallup

Attrazioni Route 66 New MexicoUno degli alberghi simbolo, non solo di Gallup ma anche della Route 66. Si tratta del noto El Rancho Hotel, in cui hanno soggiornato anche molte star di Hollywood fra cui John Wayne e Clark Gable, quando la cittadina del New Mexico era utilizzata come punto di appoggio ideale per le riprese dei film western che venivano girati nei dintorni.

[mks_icon_text icon=”icon: car” icon_color=”#1e73be”] Indirizzo: 1000 E. Hwy 66, Gallup, New Mexico [/mks_icon_text]

Prenota l’albergo su:

Cerca altre soluzioni per dormire a Gallup

Altri alloggi vicini alle attrazioni della Route 66 in New Mexico

Oltre a tutte le soluzioni fin qui proposte merita una menzione la città di Santa Rosa che si trova fra Tucumcari e la deviazione per Santa Fe. Ideale quindi se volete spezzare il vostro itinerario e avete tempo per una sosta in più.

  • La Quinta Inn & Suites Santa Rosa: classico motel che sorge sul tratto di Route 66 cittadino ben tenuto con piscina interna ed esterna che si trova a breve distanza dal celebre Route 66 Auto Museum.

Arizona

Lo stato famoso soprattutto per ospitare meraviglie della natura come il Grand Canyon, l’Antelope Canyon e l’Horseshoe Bend è percorso anche da un bel tratto della Mother Road. Scoprite tutte le attrazioni che vale la pena visitare leggendo il nostro articolo sulla Route 66 in Arizona.

The Red Garter Inn – Williams

Route 66 dove dormire
Foto di Kent Kanouse

Un grazioso Bed & Breakfast ricavato da un ex saloon e bordello nel cuore di Williams e vicinissimo alla stazione dalla quale potete prendere il treno per il Grand Canyon e ai numerosi negozi tutti ovviamente a tema Route 66. Avendo a disposizione degli ospiti solo quattro camere se avrete intenzione di soggiornarvi vi consigliamo di prenotare con notevole anticipo, soprattutto durante la stagione estiva, per evitare di trovare il tutto esaurito!

[mks_icon_text icon=”icon: car” icon_color=”#1e73be”] Indirizzo: 137 W Railroad Ave, Williams, AZ [/mks_icon_text]

Prenota l’albergo su:

The Canyon Motel & RV Park – Williams

Route 66 dove dormireQuesto è un motel unico nel suo genere perché vi darà la possibilità di dormire all’interno di una locomotiva o di un vagone dei treni appositamente modificati per accogliere una suite al loro interno. Situato a meno di 5 minuti da Williams e immerso nella natura, ha come punto di forza la presenza di un’area adibita ai camper ed è quindi consigliato anche per coloro che hanno scelto questo mezzo per il proprio viaggio on the road (hai già dato un’occhiata alla nostra guida sul noleggio camper USA?).

Oltre a tutto l’occorrente che vi potrebbe essere utile per il vostro campeggio, la struttura ospita anche una piscina coperta, che potrebbe essere la soluzione ideale per rinfrescarvi dopo una giornata passata a camminare lungo il Grand Canyon.

[mks_icon_text icon=”icon: car” icon_color=”#1e73be”] Indirizzo: 1900 Historic Rte 66, Williams, AZ [/mks_icon_text]

Prenota l’albergo su:

The Lodge on Route 66 – Williams

Route 66 dove dormire
Foto di Scottb211

Classico motel in cui parcheggiare la propria auto davanti alla camera, anche questo, come tutta Williams, a tema Route 66. Anche se recentemente ristrutturato e ben curato negli arredi, la maggior parte delle camere non sono molto spaziose, per questo può essere la vostra scelta ideale se avete intenzione di restare solo per una notte.

[mks_icon_text icon=”icon: car” icon_color=”#1e73be”] Indirizzo: 200 E Rte 66, Williams, AZ [/mks_icon_text]

Prenota l’albergo su:

Grand Canyon Hotel – Williams

Route 66 dove dormireSe siete alla ricerca di un albergo che abbia una storia alle spalle questa potrebbe essere la vostra scelta, dato che si vanta di essere il più antico albergo in attività di tutta l’Arizona. Ha 25 camere ognuna arredata con un tema diverso ed anche una Carriage House, una sorta di mini appartamento per quattro persone situato dietro l’albergo; la scelta ideale nel caso viaggiate con degli amici.

[mks_icon_text icon=”icon: car” icon_color=”#1e73be”] Indirizzo: 145 W Route 66, Williams, AZ [/mks_icon_text]

Prenota l’albergo su:

Cerca altri alloggi a Williams

El Trovatore Motel – Kingman

Route 66 dove dormire
Foto di Birgit

Kingman è l’ultima città dell’Ariziona prima del confine con la California. Qui potrete trovare numerose soluzioni per dormire ma una delle più caratteristiche è sicuramente El Trovatore Motel. Da lontano è facilmente individuabile grazie alla scritta al neon che campeggia su un alta torre. Appena arrivati inoltre non potrete non notare gli splendidi murales che corrono lungo tutta la struttura che raffigurano la mappa della Route 66. Anche le stanze sono caratterizzati da molti rimandi alla storia e ai personaggi legati al mito della Mother Road.  Per saperne di più su questa cittadina, leggi il nostro articolo su cosa vedere a Kingman.

Prenota l’albergo su:

Cerca altre soluzioni per dormire a Kingman

Altri alloggi vicini alle attrazioni della Route 66 in Arizona

Una delle città simbolo della Route 66 è sicuramente Winslow, resa immortale dalla canzone degli Eagles Take it Easy.

  • La Posada Hotel and Gardens: situato vicino alla ferrovia e dalla caratteristica architettura più che un semplice albergo è una vera e propria istituzione della città. Ospita al suo interno anche un museo e tutta la struttura è inserita in uno spazio verde in cui potrete rilassarvi prima della vostra prossima tappa. Si narra che abbia soggiornato in questo hotel anche il celebre Albert Einstein.

Altra città importante dell’Arizona è sicuramente Flagstaff. Se volete soggiornare in una struttura particolare e non anonima il suggerimento è quello di scegliere fra gli alberghi del centro come:

  • Weatherford Hotel: uno degli alberghi storici dall’architettura immediatamente riconoscibile dal fascino innegabile.
  • Little America Hotel Flagstaff: splendida struttura immersa nel verde di una foresta a pochi passi dalla città. Impossibile non notare (e apprezzare) l’enorme piscina esterna.

California

Siamo arrivati alla fine del percorso. Prima di raggiungere l’agognata meta del molo di Santa Monica attraverserete un lungo tratto di deserto con qualche ghost town e vecchie pompe di benzina. Una volta superata Barstow e i suoi caratteristici murales entrerete nella Greater Los Angeles e il panorama cambierà decisamente. Scoprite tutto quello che c’è da vedere in questo tratto leggendo il nostro articolo dedicato alla Route 66 in California.

Route 66 Motel – Barstow

Route 66 dove dormireSituato nel cuore di Barstow, data la sua posizione, può essere la vostra scelta migliore prima di compiere le ultime miglia che vi separano dall’arrivo a Santa Monica. Struttura a tema rigorosamente Route 66 e non poteva essere altrimenti, con la reception praticamente tappezzata di memorabila ed alcune auto storiche parcheggiate nei pressi del motel. Alcune camere hanno una particolarità curiosa, ovvero il letto rotondo!

Se Barstow non è solo un punto d’appoggio nel vostro itinerario e avete un po’ di tempo da spendere in zona il suggerimento è quello di passeggiare sulla main street e ammirare i numerosi murales che raccontano sia la storia locale che della Mother Road.

[mks_icon_text icon=”icon: car” icon_color=”#1e73be”] Indirizzo: 195 Main St, Barstow, CA [/mks_icon_text]

Prenota l’albergo su:

Cerca altri alloggi a Barstow

Wigwam Motel – San Bernardino

Route 66 dove dormire
Foto di Wayne Hsieh

Anche questo motel è una vera e propria icona della Route 66 e se vi siete sempre domandati cosa si prova dormire dentro una tenda indiana avrete un motivo in più per considerare di passare qui una notte. Ogni singola camera della struttura è infatti costruita con la tipica forma dei tepee dei nativi americani ma con qualche comodità in più considerando anche il fatto che tutto il motel è stato completamente ristrutturato di recente.

Una volta in zona perché non visitare anche il primo ristorante McDonald’s al mondo con tanto di museo annesso (1398 N E St)? Se non siete dalle parti di San Bernardino ma state comunque viaggiando sulla Route 66 in Arizona non disperate perché ad Holbrook potrete trovare un altro Wigwam Motel dove soggiornare.

[mks_icon_text icon=”icon: car” icon_color=”#1e73be”] Indirizzo: 2728 W Foothill Blvd, Historic Route 66, San Bernardino, CA [/mks_icon_text]

Prenota l’albergo su:

Cerca altre soluzioni per dormire a San Bernardino

Altri alloggi vicini alle attrazioni della Route 66 in California

Prima di un grande tratto di Route 66 che, almeno fino a Barstow, non ha molto da offrire (anche a livello di alberghi) si trova la città di Needles. Anch’essa non ha molte attrazioni da offrire ma può essere un buon punto di appoggio prima di proseguire.

  • Rio Del Sol Inn Needles: a queste latitudini d’estate è quasi impossibile non scegliere un motel con piscina qui ne troverete una grande esterna e una vasca idromassaggio più piccola al coperto. Per il resto è un classico motel americano ben tenuto con stanze ampie e pulite.

Situata nell’aera nota come la Greater Los Angeles, Pasadena può essere presa in considerazione per una sosta prima di entrare nella Città degli Angeli. Data l’importanza della città abbiamo dedicato un’intero articolo a cosa vedere a Pasadena in cui potrete trovare anche preziosi consigli sul pernottamento.

Quando prenotare e altri consigli utili per dormire lungo la Route 66

Ora che vi siete fatti un’idea delle possibilità che avete per dormire lungo la Route 66 forse vi starete chiedendo se e quando vale la pena prenotare gli alberghi o i motel che incontrerete nel vostro on the road. In linea di massima vi consiglio di prenotare l’albergo appena delineato il percorso, questo per diversi motivi fra cui:

  • Prenotare on line in anticipo vi permetterà di risparmiare sul prezzo della camera
  • Non avrete la brutta sorpresa di trovare il tutto esaurito. Non sottovalutate questo problema perché in alta stagione nei piccoli centri che sono attraversati dalla Route 66 non è raro trovare l’insegna del no-vacancy accesa.
  • Anche nelle grandi città più un albergo/motel è caratteristico più si corre il rischio che tutte le camere vengano prenotate prima del vostro arrivo. Se una location vi piace, prenotatela.
  • Guidare per gran parte della giornata alla lunga è stancante e, credetemi, che farlo con la certezza di avere un posto in cui dormire è molto più rassicurante che arrivare a fine giornata e doversi mettere alla ricerca di un albergo.

Route 66 Texas: tutte le attrazioni lungo il percorso

Percorso Route 66 Texas

Con il Texas siamo arrivati alla quinta tappa del nostro viaggio lungo la celebre Route 66 e siamo praticamente anche a metà del viaggio per raggiungere l’agognata California (o l’Illinois se state viaggiando da Ovest a Est) visto che qui incontreremo la città di Adrian che è il punto centrale della Mother Road.

Percorrendo il Lone Star State incontreremo anche due delle attrazioni più conosciute della Route 66 come il Cadillac Ranch e il Big Texan Steak Ranch. Ma non corriamo troppo e continuiamo il nostro viaggio, come sempre offrendovi una selezione delle attrazioni più interessanti che potranno esservi utili se vorrete organizzare il vostro viaggio sulla Route 66 in Texas (se invece cercate una panoramica generale delle principali attrazioni dello Stato, date un’occhiata al nostro articolo sui luoghi di interesse del Texas).

[adToAppearHere]Le principali città che incontreremo lungo il percorso della Route 66 sono presentate qui da est a ovest. Se per qualche motivo preferirete muovervi da ovest verso est non dovrete far altro che partire dalla fine.

[toc]

Cosa vedere e dove fermarsi lungo il percorso

Shamrock

Attrazioni Route 66 TexasPercorrendo le vie della cittadina non potrete non notare un curioso edificio in art déco, l’U Drop Inn (1242 N Main St), la cui costruzione risale al 1936 ma che è stato restaurato recentemente ed ospita oggi un ufficio informazioni turistiche. Gli amanti del film Disney Cars potranno notare qualche somiglianza con gli edifici di Radiator Springs che si sono ispirati proprio a questa costruzione.

Il Pioneer West Museum (204 N Madden St) è un complesso che include la ricostruzione di quattro edifici di un villaggio dei pionieri. Accanto al complesso potrete osservare anche una vecchia stazione di servizio Magnolia.

McLean

Route 66 TexasQui potrete trovare due caratteristiche attrazioni: una più legata alla nostra Mother Road, l’altra un po’ più “particolare”. Lungo Kingsley Street incontrerete infatti sia il Texas Route 66 Museum, sia il Devil’s Rope Museum all’interno del quale potrete ammirare in tutto il suo splendore la più grande collezione di fili spinati del mondo (wow!).

La stazione di servizio Phillips 66 Station recentemente restaurata è un’ottima occasione per fare una foto ricordo. Se volete approfondire la storia del posto considerate una sosta al McLean-Alanreed Area Museum, in cui troverete narrata la storia del campo dei prigionieri di guerra che, durante la Seconda Guerra Mondiale, era ubicato nelle immediate vicinanze della città.

Groom

Route 66 Texas Cosa VedereSe avvicinandovi alla città inizierete a scorgere una cisterna d’acqua inclinata su un lato non stupitevi, state infatti osservando la nota Britten Leaning Water Tower; avrete un’occasione più unica che rara di farvi una foto sul modello di quelle che i turisti scattano sotto la torre di Pisa!

La comunità di Groom come potrete intuire è molto religiosa dato che percorrendo la Route 66 difficilmente non noterete una croce gigante che è ritenuta essere la più grande dell’emisfero occidentale. Se desiderate osservarla da vicino noterete che alla sua base sono riprodotte le stazioni della Via Crucis.

Conway

Percorso Route 66 TexasLungo la Route 66 in Texas, alle porte di Amarillo, penserete di essere arrivati al Cadillac Ranch, anche se qualcosa potrebbe non convincervi fino in fondo: guardando le vetture più da vicino realizzerete infatti di essere arrivati al Bug Ranch, in cui ad essere conficcati nel terreno sono degli esemplari di Maggiolini Volkswagen.

Amarillo

Percorso Route 66 TexasSiete finalmente arrivati nella città più nota del Texas sulla Route 66, patria delle sue attrazioni più caratteristiche. Se vorrete rifocillarvi dopo il vostro lungo viaggio infatti sarà d’obbligo una sosta al Big Texan Steak Ranch (7701 I-40) dove, se vi sentirete abbastanza audaci, potrete prendere parte alla nota competizione e cercare di mangiare una bistecca da due chili in un’ora.

Se ci riuscirete non pagherete il conto e sarete inseriti nella gloriosa hall of fame, altrimenti siate pronti a versare 72$ che comunque, considerando quanto avrete mangiato, può essere considerato un prezzo onesto.

L’altra attrazione di Amarillo nota in tutta il mondo è il Cadillac Ranch, del quale vi abbiamo già parlato dettagliatamente in un nostro precedente articolo. Una vera e propria istituzione targata “Route 66 Texas”!

Se il Big Texan non ha soddisfatto il vostro appetito potete considerare una sosta anche all’Arnold Burger, nel quale viene servito un hamburger gigante con la forma dello stato del Texas.

[ebookadr-66]

Palo Duro Canyon – deviazione

Attrazioni Route 66 TexasArrivati a questo punto del viaggio se avete tempo a disposizione considerate l’ipotesi di fare una piccola deviazione verso sud per visitare il Palo Duro Canyon State Park, dove, alla modica cifra di 5$ a persona, inizierete a familiarizzare con quel caratteristico panorama che proseguendo verso ovest incontrerete sempre più spesso e che avrà il suo culmine al Grand Canyon in Arizona.

Vega

Due attrazioni che valgono la pena una sosta sono la stazione di servizio Magnolia e il Dot’s Mini Museum, collocato vicino al cartello stradale che segnala la fine del tratto di Route 66 all’interno della città. Al suo interno, che come potrete intuire dal nome non sarà molto spazioso, potrete trovare una vasta collezione di cimeli legati alla storia della Mother Road.

Adrian

Percorso Route 66 TexasSiamo così arrivati al famoso midpoint della Route 66 e tutta la città di Adrian ruota intorno a questo particolare; addirittura la cisterna d’acqua proclamerà che siete giunti a metà del vostro percorso! Cogliete l’occasione per fermarvi al Midpoint Café (305 West Historic Route 66), che con il suo slogan When you’re here, you’re halfway there sarà un posto perfetto per una foto ricordo, per gustarsi qualche specialità locale e per riprendere fiato prima della prossima tappa: il New Mexico.

Dove dormire

Se volete qualche consiglio sui migliori hotel e motel lungo questo tratto di Mother Road potete leggere la sezione dedicata a dove dormire lungo la Route 66 in Texas nel nostro articolo di approfondimento.

Scopri gli alloggi caratteristici lungo la Route 66

Texas Route 66: risorse per il viaggio

Ecco alcune guide su cui potete fare affidamento

  • Lonely Planet Route 66 Road Trips (in inglese) un percorso per sommi capi lungo le attrazioni principali della Mother Road
  • Route 66 Adventure Handbook (in inglese) descrizione dettagliata di tutti i paesini e attrazioni che incontrerete lungo il percorso
  • Route 66 EZ 66 Guide: (in inglese) mappa dettagliata più attrazioni e consigli per seguire il percorso originale
  • La nostra guida in italiano sulla Route 66: include un itinerario dettagliato con descrizione delle attrazioni, del percorso e delle soste per fermarsi a dormire, oltre a una mappa interattiva con il percorso del tratto originale

Se vorrete approfondire le singole attrazioni sappiate che, per quanto riguarda la Texas Route 66, ogni città ha un proprio sito istituzionale, in molti casi molto curato, in cui potrete trovare tutte le informazioni ulteriori di cui avrete bisogno.

Proseguiamo il percorso…

Ecco cosa non perdersi negli altri stati:

Come visitare Cadillac Ranch in Texas: cosa fare in una delle attrazioni top della Route 66

Come visitare Cadillac Ranch

Se vi trovate in Texas, e state cavalcando con la vostra auto la Route 66, la leggendaria Mother Road, potreste vedere, in lontananza, una strana installazione. Vi sembreranno delle auto piantate nel terreno, in posizione obliqua. Una visione così bizzarra da indurvi a pensare che sia un sogno particolarmente vivido, o sul set di un remake di Paura e Delirio a Las Vegas, però ambientato nel Texas.

Niente paura, tutte le stranezze che incontrate sulla Route 66 in Texas (e non solo) sono solide realtà, che, nei decenni, hanno contribuito alla creazione di un immaginario mitico, che va oltre i motivi di interesse squisitamente storico-artistici. Dunque, cos’è questa installazione? Si tratta di Cadillac Ranch, una delle più celebri attrazioni del Texas e di tutta la Mother Road. Ma cosa vedere a Cadillac Ranch? Cosa fare e come arrivarci? In questo articolo vogliamo raccontarvi un po’ di storia (giusto per aiutarvi a godervi meglio la visita) e darvi qualche consiglio.

[toc]

Come arrivare a Cadillac Ranch

Cadillac Ranch si trova sulla I-40, a ovest di Amarillo (Texas), in direzione Tucumcari-Santa Rosa. L’uscita che dovrete prendere è la 60. A quel punto vi basterà guidare verso sud sulla vecchia Route 66 per poche miglia e girare a sinistra, continuando verso est per un miglio. Troverete Cadillac Ranch sulla strada, dietro a un cancello. L’ingresso è gratuito. Nella cartina sotto trovate l’indirizzo di Cadillac Ranch.

Cadillac Ranch: un po’ di storia

Percorso Route 66 TexasCos’è Cadillac Ranch? Per parlarne dobbiamo tornare indietro, nel 1974, in un’epoca in cui lo spirito hippie era nel pieno delle sue forze, e si manifestava in una serie infinita di espressioni artistiche originali e anarchiche. Cadillac Ranch nasce da un’idea di Chip Lord, Hudson Marquez and Doug Michels, altrimenti detti Ant Farm, un gruppo di architetti hippie di San Francisco che decise di dar forma a una suggestione avuta da The Look of Cars, un libro per bambini dedicato alle macchine.

Da veri amanti delle Cadillac, decisero di dedicare loro un originalissimo tributo. Come? All’inizio era necessario raccogliere dei fondi, e i tre eccentrici hippie stilarono una lista di imprenditori milionari che potessero essere interessati all’idea. Alla fine scelsero Stanley Marsh 3, un uomo ricchissimo di Amarillo che si dimostrò subito interessato a contribuire alla realizzazione del progetto.

Cadillac Ranch Route 66Nello stesso anno, Marsh fece portare nei suoi terreni a ovest di Amarillo dieci diversi modelli di Cadillac, dalla 1949 Club Sedan alla 1963 Sedan de Ville. I tre artisti/architetti fecero bruciare le auto per metà, lasciandone intatta soltanto la parte posteriore, dopodiché le interrarono, seguendo l’ ordine cronologico di produzione, e disponendo le macchine inclinate alla stessa angolazione della Grande Piramide di Gaza, verso ovest.

Le persone che passavano nei pressi del Cadillac Ranch potevano sentirsi libere di fermare la loro macchina, avvicinarsi alle cadillac e “graffitarle”, lasciare una scritta o un biglietto, o anche portare via un pezzo come souvenir, contribuendo contemporaneamente alla creazione, alla fruizione e alla distruzione dell’opera d’arte.

Nel 1997, poiché la città di Amarillo era in espansione, Marsh decise di spostare l’installazione di due miglia a ovest, in una zona di pascolo di mucche. Tuttavia il fascino è rimasto invariato e ancora oggi, pur essendo invecchiate – e insieme a loro, l’aura leggendaria che le circonda – le Cadillac degli Ant Farm attirano ancora un numero considerevole di nostalgici del periodo in cui l’arte, incontrando la cultura popolare americana, superava se stessa, mettendosi in discussione.

Cosa fare a Cadillac Ranch

Cadillac Ranch Cosa VedereVisitare Cadillac Ranch è un’esperienza estetica di sicuro effetto, ma non solo. Col passare del tempo, le visite a Cadillac Ranch hanno assunto il valore di vere e proprie processioni, con una loro specifica e affascinante ritualità, quasi come se quelle Cadillac fossero diventate dei menhir post-moderni di fronte ai quali venerare una certa concezione dell’arte pop e dei simboli americani: non a caso, Bruce Springsteen, artista e indistruttibile icona dell'”americanità”, ha dedicato a questo luogo una celebre canzone, “Cadillac Ranch” per l’appunto, contenuta nell’album The River (1980).

Cosa ne dite allora di ricostruire la vostra personale, indimenticabile scenografia? Magari percorrendo la Route 66, con la canzone di Bruce Springsteen sparata a tutto volume,  il braccio fuori dal finestrino, gli occhiali da sole, le poesie di Allen Ginsberg poggiate sul cruscotto…

Arrivati a Cadillac Ranch, potete divertirvi a fare delle fotografie come quella sotto, fingendovi vittime di un assurdo incidente con la cultura hippie gli anni ’70, oppure armarvi di bomboletta spray e, contravvenendo anarchicamente ai dettami della legge texana, contribuire alla leggenda di Cadillac Ranch facendo il vostro personale graffito su una delle 10 macchine.

Cadillac RanchTranquilli, lo fanno tutti! Anzi, proprio per questo vi consigliamo di fotografare il vostro prodotto artistico, perché molto probabilmente, qualche ora più tardi, potrebbe essere coperto da quello di un altro hippie, e addio leggenda!

Dove dormire in zona Cadillac Ranch

Come abbiamo già accennato, Cadillac Ranch si trova molto vicino ad Amarillo, dove potrete trovare tranquillamente un posto dove dormire. Date un’occhiata al link sotto per la ricerca di un buon albergo.

Cerca albergo vicino a Cadillac Ranch

Fort Alamo a San Antonio: la storia nascosta in mezzo ai grattacieli

Fort Alamo San Antonio

Nel cuore di San Antonio, quasi nascosto in mezzo a grandi grattacieli e circondato da un verde giardino si trova uno degli edifici storici più importanti di tutti gli Stati Uniti, ovvero Alamo, una dei più noti luoghi di interesse del Texas. Molti saranno al corrente dei fatti connessi a questo luogo grazie ai numerosi film che vi si sono ispirati come La battaglia di Alamo in cui John Wayne interpreta Davy Crockett o il più recente Alamo – Gli ultimi eroi prodotto da Ron Howard

Abbiamo accennato alla storia di Alamo nel nostro articolo San Antonio cosa vedere, ma è bene approfondire: coloro che non conoscono la sua affascinante e allo stesso tempo terribile storia possono soffermarsi un attimo e scoprire insieme a noi perché questo luogo attira ogni anno più di due milioni e mezzo di visitatori.

[toc]

La Storia di Alamo

Alamo cenotafioCominciamo col dire che Alamo non è propriamente un forte dato che fu originariamente fondato nel XVIII secolo come missione francescana per convertire al cristianesimo la popolazione locale. Deve quindi la sua fama alla battaglia che nel 1836 si combatté fra l’esercito messicano e i 189 soldati texani asserragliati al suo interno che, dopo aver opposto una strenua resistenza durata tredici giorni, perirono tutti durante l’assedio. Anche se gli eventi legati ad Alamo sono quindi connessi più alla storia dell’indipendenza del Texas dal Messico che a quelli degli Stati Uniti, l’episodio verificatosi in questo luogo e i personaggi che vi presero parte sono legati indissolubilmente all’immaginario collettivo americano.

La crudeltà con la quale il generale messicano Antonio López de Santa Anna condusse le operazioni di guerra e il coraggio dei difensori di Alamo che non vollero mai arrendersi nonostante la palese inferiorità numerica e la certezza della morte resero infatti questo luogo un simbolo di sacrificio per la causa della libertà che  viene ricordato ancora oggi.

Il sacrificio dei difensori di Alamo non fu comunque vano dato che poche settimane dopo questi eventi al grido di “Remember the Alamo” il comandante delle forze texane Sam Houston spronò i suoi soldati nella battaglia decisiva per le sorti dell’indipendenza e conquistò la vittoria dopo solo diciotto minuti di battaglia.

Informazioni per una visita ad Alamo

Forte AlamoEssendo originariamente, come detto, una missione francescana i due edifici principali sono rappresentati dalla chiesa e dal convento.
All’interno della chiesa sono conservati numerosi reperti militari dell’epoca e sulla facciata si possono osservare ancora oggi l’architettura e le decorazioni tipiche del periodo coloniale spagnolo.

Quello che un tempo fu il convento della missione e all’interno del quale nel 1836 si svolsero gli ultimi sanguinosi combattimenti corpo a corpo oggi ospita il museo vero e proprio dell’intero complesso e la mostra permanente The Alamo: A Story Bigger Than Texas.
I lati del complesso sono circondati da un giardino pensato per essere un luogo accogliente e silenzioso che possa aiutare a ricordare il sacrificio di coloro che perirono nella battaglia.

È possibile visitare la struttura tutti i giorni dalle 9 alle 15:30. Durante i mesi estivi dal 7 Giugno al 23 Agosto l’orario di apertura è prolungato fino alle 19. Gli unici giorni di chiusura sono la vigilia e il giorno di Natale. Eventuali cambiamenti negli orari di apertura sono consultabili sul sito ufficiale
L’accesso è gratuito.

Come Raggiungere Fort Alamo

La Missione di Alamo è situata nel cuore della città texana di San Antonio e si può facilmente raggiungere con la propria macchina, vista anche la presenza di numerosi parcheggi nelle vicinanze, oppure attraverso i mezzi pubblici.

The Alamo: gallery fotografica

Video

Ecco cosa vi aspetta se visiterete Alamo!